In questi momenti di difficoltà per il Paese, la redazione di Nintendoomed si appella ai propri lettori. Anziché concludere l’articolo con il solito banner affiliato, vorremmo chiedervi un piccolo, grande gesto per aiutare chi in questo momento sta rischiando la vita per la nostra incolumità. Di seguito riporteremo le coordinate bancarie per effettuare una donazione al conto corrente dedicato della Protezione Civile. In caso, invece, preferiate donare agli ospedali, ci sentiamo di consigliarvi di consultare la seguente lista.

Banca Intesa Sanpaolo Spa
Filiale di Via del Corso, 226 – Roma
Intestato a Pres. Cons. Min. Dip. Prot. Civ.
IBAN: IT84Z0306905020100000066387
BIC: BCITITMM
27 Giugno 2016 • Notizia

Zelda: Breath of the Wild è “open air” e non open world

In un’intervista di IGN, Shigeru Miyamoto ha parlato del mondo di The Legend of Zelda: Breath of the Wild e di come questo pare distaccarsi dagli altri videogiochi definiti “open world”.

Penso che nelle industrie tecnologiche o videoludiche ci sia questa tendenza a dare un nome a qualunque cosa. Però, per noi è importante non essere limitati dalle tecniche e tecnologie che sono presenti al giorno d’oggi. Al contrario, noi vogliamo usarle per fare quello che vogliamo. L’importante è il modo in cui possiamo sfruttarle per rendere unica l’esperienza di gioco. Non volevamo solo creare un videogioco dove si ha la libertà di fare qualunque cosa, ma anche che fosse una forma di intrattenimento. È divertente fare tutte quelle cose. Per questo abbiamo pensato di usare un nome nostro per definirlo, ovvero il termine “open air”. Bill [Trinen] lo usa spesso.”

Lo stesso Trinen è stato intervistato da IGN, in seguito:

Per come la vedo io, ho osservato molti videogiochi open world e il loro mondo è un’ambientazione per la storia che gli sviluppatori vogliono raccontare in quello spazio. Invece, con questo gioco vedo un mondo che è parte integrante dell’esplorazione e dell’avventura. Non è solo un mondo che il giocatore attraversa. È un mondo di cui si fa parte. Il termine “open air” sembra molto adatto a questo spazio selvaggio e completamente all’aperto.

Studente fuorisede e (sedicente) appassionato di RPG, in particolare Dragon Quest e Fire Emblem. Passa più tempo a cercare di recuperare vecchi giochi che a provarne di nuovi. Quando non scrive articoli, probabilmente sta perdendo tempo all’arena dei mostri per ottenere la spada Falcon.
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Dario "Spiky" Vetrano

Studente fuorisede e (sedicente) appassionato di RPG, in particolare Dragon Quest e Fire Emblem. Passa più tempo a cercare di recuperare vecchi giochi che a provarne di nuovi. Quando non scrive articoli, probabilmente sta perdendo tempo all'arena dei mostri per ottenere la spada Falcon. Lo trovate su Facebook e Twitter.