12 Marzo 2019 • Notizia

Yoshio Sakamoto spiega perché Metroid non è mai arrivato su Nintendo 64

Visto che ultimamente va di moda piangere per Metroid, oggi vi portiamo un po’ indietro nel tempo. C’è una particolare console Nintendo che non ha mai ricevuto nemmeno un solo gioco di Metroid nonostante il capitolo precedente avesse avuto molto successo. No, non il Wii U, ho detto “il capitolo precedente ha avuto molto successo”. Parlo del Nintendo 64.

Il sito Lava Cut Content ha pubblicato un articolo in cui esplora questo mistero, e per l’occasione ha ritrovato una vecchia intervista che Yoshio Sakamoto, co-creatore della serie e director di Super Metroid, concesse a GamesRadar nel 2010. Ecco la sua risposta:

Ci ho pensato, alla possibilità di fare un gioco di Metroid per N64, ma pensavo di non essere la persona adatta per farlo. Quando presi in mano il controller del N64 non riuscivo proprio a immaginare come usarlo per muovere Samus in giro. Quindi per me, personalmente, era troppo presto per fare un Metroid 3D… Nintendo all’epoca contattò un’altra azienda chiedendo se potevano fare una versione N64 di Metroid e loro dissero di no. Rifiutarono, dicendo che purtroppo non se la sentivano di creare un Metroid per N64 che dovesse reggere il confronto con Super Metroid. Lo prendo come un complimento.

Lava Cut Content ha osservato che probabilmente i fan di Super Metroid non si sarebbero lamentati se Metroid per Nintendo 64 fosse stato semplicemente in 2D, in maniera simile a Castlevania: Symphony of the Night per PlayStation.

Inoltre, l’autore menziona un rumor secondo cui l’altra azienda contattata da Nintendo non fosse altro che Rare, ma Sakamoto rifiutò di rispondere alla domanda.

Si dice anche che un progetto Rare per un Metroid 64 (non necessariamente lo stesso) si sia poi trasformato in Jet Force Gemini. Per quello non ci sono prove e rimane l’headcanon di qualche nerd che vuole Banjo-Kazooie in Smash.

L’assenza di “Metroid 64” rimane una pagina misteriosa nella storia Nintendo. Voi cosa ne pensate?

Fonte: Lava Cut Content


Studente twentysomething dell’Università di Padova, dopo un’infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch… e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l’aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo).
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Michele "Comemichiamo" Mosena

Studente twentysomething dell'Università di Padova, dopo un'infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch... e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l'aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo). Lo trovate su Facebook e Twitter.