AGGIORNATA – Una rappresentante di Microsoft Italia sostiene che Nintendo sta scomparendo

1 min.
22.10.2015
Notizie


Oggi pomeriggio s’è tenuta  a Milano una conferenza stampa di Microsoft incentrata su Windows 10 e su Xbox One. “E a noi che siamo nintendroni checcèffrega?”, sento qualcuno di voi chiedersi. Beh, durante questo evento, una rappresentante di Microsoft Italia ha fatto una dichiarazione relativa a Nintendo destinata a far discutere.

Sembra che qualcuno del pubblico (composto da giornalisti) abbia chiesto chiarimenti circa il futuro di Kinect come periferica di gioco. Stefania Duico,  il direttore Marketing della divisione Xbox di Microsoft Italia, ha risposto sostenendo che Kinect è una periferica adatta ad ogni tipo di giocatore, ma non s’è fermata qui…

“Nintendo sta scomparendo e quindi c’è un pubblico che cerca quel tipo di esperienza.”

È chiaro che questa rappresentante si stesse riferendo a come Nintendo abbia velocemente perso l’interesse verso il mercato cosiddetto “casual”, verso quel pubblico che tanto è stato attirato da Wii Fit, Just Dance e da altri giochi di quel genere. Insomma, il succo del discorso era che Kinect senza la concorrenza del Wii  avrà la strada spianata, non era sottinteso nessun attacco nei confronti dell’azienda giapponese… tuttavia c’è da constatare che ci sarebbero stati migliaia di altri modi, ben più raffinati e meno ambigui, per esprimere lo stesso identico concetto.

AGGIORNAMENTO – La fonte di questa notizia riporta un refuso: ad ad aver fatto la suddetta dichiarazione non è stata Tiziana Pollio, come precedentemente riportato, bensì Stefania Duico, ovvero il direttore Marketing di Xbox.