Un ex-dipendente di RARE svela un difetto dell’hardware del Nintendo 64

2 min.
07.04.2016
Notizie


Direttamente da Martin Hollis, un ex-sviluppatore di RARE, ci giunge voce di un difetto hardware che afflisse il framerate del Nintendo 64 ancora prima della sua uscita.

L’allora impiegato dell’azienda inglese fece un piccolo esperimento con un codice da scritto da lui in persona per testare la resa di triangoli per secondo della neonata console di casa Nintendo. Questo codice aveva l’effetto di generare quanti più icosaedri possibili su schermo, fino a far scendere il framerate sotto i 60Hz. Sorpreso dall’ancora scarsa resa della console a poco tempo dal lancio, il dipendente di RARE contattò il capo del progetto alla SGI, il quale, prima di prendere provvedimenti, chiese al signor Hollis di fargli analizzare il codice per controllare eventuali errori in esso. Purtroppo per lui, non ce n’erano. Questo calo di frame-rate scoperto da Martin Hollis portò ad una seconda revisione dell’hardware, la quale, a detta della fonte, a volte può comportare costi aggiuntivi enormi, sia di produzione, sia per quanto riguarda il costo aggiuntivo da supplire a causa del ritardo del lancio sul mercato.
Di seguito riportiamo la dichiarazione in lingua originale.

I wrote a piece of code which displayed spinning icosahedrons; as many as possible until the framerate dropped below 60Hz. The head of the project at SGI was not too pleased to discover what the performance of the machine was in terms of triangles per second. He asked to see my code in the hope it was inefficient. It wasn’t. He later told me that SGI very nearly did another spin of the hardware to fix the issue, which was with the memory interface. I don’t know exact figures but a second spin of the hardware (equivalent to a second edition of a book) is sometimes said to cost a million dollars, and there is the additional cost of a delay in reaching the market which might be enormously larger.

Fonte