27 Giugno 2016 • Notizia

Tokyo Mirage Sessions #FE: lo sviluppo del gioco cambiò dopo sei mesi

Quando fu presentato nel primo Nintendo Direct del 2013, l’idea di unire le saghe di Fire Emblem e Shin Megami Tensei in un crossover per Wii U stuzzicò non poco i fan. Dopo un primo teaser trailer, però, si persero completamente le tracce del progetto, lasciando anche presumere una possibile cancellazione. Sarà solo nel corso del 2015 che rivedremo finalmente il progetto concretizzarsi con Tokyo Mirage Sessions #FE. Un gioco con poco Shin Megami Tensei e poco Fire Emblem ma tanta, tantissima ATLUS.

Intervistato da Siliconera, il producer del gioco, Shinjiro Takeda, ha voluto parlare riguardo lo sviluppo del gioco durante le fasi iniziali e sull’evoluzione del progetto in quello che sarà poi Tokyo Mirage Sessions #FE.

Durante le fasi iniziali dello sviluppo abbiamo avuto qualche problema ad esprimere l’essenza di entrambe le due serie (Fire Emblem e Shin Megami Tensei, ndr). Ci siamo allora decisi di focalizzarci sui punti di forza di Atlus, realizzando così un RPG ambientato ai giorni nostri. Abbiamo scelto l’industria dell’intrattenimento per differenziarci dai precedenti giochi da noi prodotti.

Anche Hitoshi Yamagami di Nintendo si è espresso in merito, parlando del concept iniziale del gioco, in seguito accantonato a favore di un RPG in stile ATLUS:

Nel corso delle fasi iniziali dello sviluppo abbiamo provato a realizzare un gioco strategico. Però, quando abbiamo inserito i personaggi provenienti da Fire Emblem il gioco non sembrava tanto diverso da gli altri esponenti della serie, ed era difficile per noi differenziarlo. Dopo sei mesi di sviluppo abbiamo cambiato la direzione del progetto, “pensando ad un gioco di ruolo che si focalizzi sui punti di forza di ATLUS”. Ed è così che siamo arrivati al prodotto finale.

Fonte: Siliconera

Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l’addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l’internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest’ultimo non lo usa mai).

Autore: Filippo "Flippoh" Corso

Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l'addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l'internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest'ultimo non lo usa mai).