21 settembre 2018 • Notizia

Telltale Games: licenziati la maggior parte dei dipendenti, la software house è a rischio?

Telltale Games, lo studio che si è occupato nei passati anni della creazione di giochi come The Walking Dead, The Wolf Among Us e del più recente Minecraft: Story Mode, ha subito un radicale sottodimensionamento del proprio staff. Infatti, sono stati licenziati la maggior parte dei dipendenti, passando da 250 a 25.

Questo fatto è avvallato dai molti tweet e post sui social network dei precedenti dipendenti di Telltale Games, come il seguente:

Questo fulmine a ciel sereno ha sicuramente lasciato a bocca aperta gran parte del mondo videoludico, soprattutto chi ha passato ore ed ore davanti a quelle storie in cui il giocatore aveva il potere di cambiare completamente la trama.

Speriamo tutto il meglio per gli ex dipendenti di Telltale Games e ci auguriamo di non vedere crollare questo studio dopo anni di attività.

AGGIORNAMENTO: a detta di Joe Parlock, contributor di Forbes Games, pare che la compagnia possa chiudere proprio a causa di una bancarotta. Inoltre, i 25 dipendenti restanti saranno occupati a far uscire i capitoli finali di The Walking Dead (uscita stabilita per questo inverno), dopodiché Telltale Games chiuderà i battenti.

Tutti gli altri progetti che avevano in cantiere sono stati anch’essi cancellati, come l’accordo con Netflix che prevedeva di portare sulla nota piattaforma di streaming delle serie animate interattive su Minecraft, e di produrre un videogioco basato su Stranger Things.

Infine, oltre alla compagnia chiuderà anche la divisione publishing di Telltale, la quale si sarebbe occupata di pubblicare Stranded Deep su PS4 e Xbox One.

Rimaniamo in attesa di ulteriori aggiornamenti e di una conferma ufficiale; come sempre, vi terremo prontamente informati.

Fonti: GamasutraThe Verge Resetera


Cresciuto a pane e videogiochi, non c’è cosa che lo faccia rilassare più al mondo dello sprofondare su una sedia e passare la giornata davanti ad uno schermo, magari in compagnia. Gioca competitivamente a Smash da 4 anni e passa gran parte del suo tempo nel cercare di migliorarsi, attendendo Ultimate come se potesse essere l’ultimo videogioco della sua vita. Lo potete trovare su Facebook.

Autore: Riccardo "Midoriss" Serri

Cresciuto a pane e videogiochi, non c'è cosa che lo faccia rilassare più al mondo dello sprofondare su una sedia e passare la giornata davanti ad uno schermo, magari in compagnia. Gioca competitivamente a Smash da 4 anni e passa gran parte del suo tempo nel cercare di migliorarsi, attendendo Ultimate come se potesse essere l'ultimo videogioco della sua vita. Lo potete trovare su Facebook.