Kensube Tanabe ci parla dei vincoli imposti ai personaggi di Super Mario

1 min.
16.07.2020
Notizie


In una recente intervista agli sviluppatori di Paper Mario: The Origami King è spuntato fuori un dettaglio piuttosto interessante riguardante i personaggi di Super Mario.

Tanabe: A partire da Paper Mario: Sticker Star, non è più possibile cambiare i personaggi di Mario o creare personaggi che ne tocchino l’universo in qualche modo. Questo significa che se non usiamo personaggi di Mario per i boss, dobbiamo crearne di originali usando dei design che non rimandino per niente all’universo di Mario, come abbiamo fatto per Olly e per i boss. Sta a noi quindi fare in modo che i personaggi risultino popolari. Penso che questo accada quando i fan accettano in maniera naturale i personaggi. Spero che i fratelli origami in Paper Mario: The Origami King rimangano nella memoria dei giocatori, anche qualora non dovessero riapparire nei titoli futuri.

Con queste parole Kensuke Tanabe, il produttore del gioco, ci spiega che non è più permesso loro di modificare i design dei personaggi di Super Mario. Questo vale non solo per Paper Mario, ma anche per tutti gli spin-off della serie realizzati da team esterni, come i Mario & Luigi. Ecco quindi la ragione per cui in questo nuovo titolo i compagni sembrano nemici generici, mentre nel Portale Millenario (un esempio a caso eh) avevano design che li rendevano unici.

Per alcuni di voi queste parole ricorderanno quelle di un Iwata Chiede di molti anni fa, dove si parlava di Paper Mario: Sticker Star. Qui vien detto che Miyamoto aveva dato indicazioni molto precise per il nuovo gioco, cioè di utilizzare il più possibile solo personaggi di Super Mario. E così continuerà a essere in futuro.

Fonte: VideoGamesChronicle