14 Marzo 2019 • Notizia

Takahashi e Nogami parlano di com’è lavorare con Miyamoto

Il quotidiano britannico The Guardian ha pubblicato un’intervista a due pezzi grossi di Nintendo: Shinya TakahashiHisashi Nogami, riguardante l’attuale stato della compagnia, che quest’anno compirà 130 anni.

Shinya Takahashi è il capo di Nintendo EPD e praticamente il responsabile principale per Nintendo Switch, mentre Nogami è il direttore delle serie Animal Crossing e Splatoon. A un certo punto i due discutono del loro rapporto con il super-veterano Shigeru Miyamoto:

Attualmente l’età media di un impiegato Nintendo è 38 anni, e la lunghezza media di una carriera è 13,5 anni. Insolitamente per un’azienda di videogiochi (ma forse non per una giapponese), Nintendo sembra essere brava a tenersi i propri talenti. Molti dei designer dietro i suoi primi successi, tra cui Shigeru Miyamoto, creatore di Mario e Zelda, sono ancora tra loro.

Takahashi e Nogami scherzano, dicendo che Miyamoto è diventato un po’ una figura mitologica in Nintendo. Sentendo loro, uno immagina il riverito designer che spunta dal nulla per giudicare i progetti in corso. “Non è coinvolto nei dettagli minuti dello sviluppo, ma osserva l’intero processo e identifica i problemi maggiori: questo non va bene, questo non va bene, QUESTO non va bene…” ride Takahashi. “Se dice che qualcosa è buono, è raro, e tu lo sai. È una persona timida – anche quando pensa che qualcosa sia ben fatto, spesso non te lo dice direttamente.”

“Nemmeno una volta ho ricevuto un complimento dal signor Miyamoto” interviene Nogami, impassibile.

“Forse non te lo dice in faccia, ma alle spalle è molto soddisfatto da te” ride Takahashi.

Qui potete leggere l’intervista completa. Vi piacerebbe lavorare con Miyamoto?

Fonte: Nintendo Life


Studente twentysomething dell’Università di Padova, dopo un’infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch… e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l’aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo).
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Michele "Comemichiamo" Mosena

Studente twentysomething dell'Università di Padova, dopo un'infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch... e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l'aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo). Lo trovate su Facebook e Twitter.