Super Smash Bros. “for good boys and girls” e l’incomprensione americana

2 min.
07.11.2019
Notizie


Nella recente diretta su Terry Bogard per Super Smash Bros. Ultimate, è stato rivelato anche lo scenario Stadio di King of Fighters. In esso, troviamo moltissimi personaggi SNK ma uno particolarmente famoso non fa la sua apparizione. Stiamo ovviamente parlando di Mai Shiranui.

Motivo della sua esclusione sarebbe perché, a detta di Masahiro Sakurai, Smash è giocato da “ragazzi e ragazze di tutte le età” o “for good boys and girls” nel doppiaggio americano. Mai quindi sarebbe davvero troppo sexy per Smash, alla faccia di Bayonetta e Samus Tuta Zero.

Tuttavia, questa scelta non è stata presa con leggerezza. Sakurai stesso ha affermato di non essere stato contento di dover accontentare il CERO (ente di valutazione giapponese) in questo modo. Infatti, la frase incriminata è stata mal tradotta dalla divisione americana, che ha alterato il significato in maniera piuttosto goliardica, facendo intendere che fossero Sakurai o Nintendo preoccupati dal suo design. Nella traduzione europea il CERO non viene menzionato, ma i toni utilizzati fanno intendere problemi esterni e non dovuti a loro.

Inoltre, non è nemmeno la prima volta che accade qualcosa di simile. Già in Super Smash Bros. for Wii U ci furono problemi con la gonna di Palutena e i trofei di Wonder Pink e Tharja (quest’ultima completamente rimossa dal gioco e neanche menzionata nell’estratto sottostante):

Ma non è tutto! Alla fine della presentazione, il caro direttore di Smash ha anche affermato come il messaggio “Non tardate. S” nella lettera ricevuta da Terry nel reveal trailer fu malinterpretato dal suo staff. Ironico che Sakurai stesso si fosse lamentato di quanto accaduto e ora è successo di nuovo. Pover’uomo, vuole solo fare le cose per bene…

[amazon_link asins=’B06XFS5657′ template=’NDProductLink’ store=’nintendoomed-21′ marketplace=’IT’ link_id=’fc184937-0403-4914-8b84-aff218d9cb5a’]