7 Gennaio 2019 • A ruota libera

Ottava generazione Pokémon, speculazioni: Corona e Scettro ambientati in Inghilterra. Vero o falso?

Il 2019 è iniziato, e l’ottava generazione Pokémon è quasi una realtà.
Ci è stato promesso un grande anno per il franchise che, insieme ai botti di Capodanno durante la mezzanotte giapponese del primo gennaio, ha mostrato al mondo il primo “trailer” sul film in uscita questo luglio.

Oltre ai film di Mewtwo e Detective Pikachu però, l’evento più atteso dell’anno sarà il rilascio dei nuovi titoli, che mese dopo mese dall’annuncio di Let’s Go ci sono stati promessi dalla The Pokémon Company come i titoli che i fan aspettano da anni.

Le aspettative sono inevitabilmente alte, e tanto alta è la voglia di sapere qualcosa ora che l’anno è iniziato. Fortunatamente già dal primo gennaio sono saltati fuori numerosi indizi e presunti leak che hanno portato i fan a speculare e investigare neanche Sherlock Holmes avesse deciso di reincarnarsi in ognuno di loro.

Pokémon Detective Pikachu

Il richiamo a Sherlock Holmes non è involontario, anzi, stando a queste teorie è molto probabile che il setting che ospiterà la nuova regione sarà molto ispirato all’Inghilterra, specificamente alla sua storica regalità.

Passiamo ad analizzare ognuno di questi indizi, tenendo a mente il fatto che si tratti semplicemente di speculazione, e che non ci sia assolutamente nulla a supportare la veridicità di quanto scritto.

Il leak

Il 29 dicembre è stato postato sulla board di 4chan dedicata a Pokémon un presunto leak, secondo il quale i titoli sarebbero chiamati Corona e Scettro, ambientati in Inghilterra. I leggendari sarebbero un ragno ed una farfalla, e tante altre belle cose che potete leggere nell’immagine sottostante.

Leak ottava generazione

A differenza dei leak precedenti confermati veri, oltre a essere questo molto più dettagliato di quanto dovrebbe, l’autore non ha inserito un tripcode (per chi non lo sapesse è un codice univoco generato via algoritmo che permette a ognuno di identificarsi sulla board anonima) per tornare dopo l’annuncio e fare il grosso sui miscredenti come i suoi predecessori, il che già toglie molta credibilità al tutto.

La veridicità infatti è così nulla che il post è stato bellamente ignorato com’è giusto che fosse fino al primo dell’anno, in cui, a partire da un tweet di James Turner, noto Pokémon designer, non hanno iniziato a collegarsi tutta una serie di fattori che hanno, nel giro di 24 ore, dato molto credito al leaker.

Gli indizi

Augurando un buon anno a tutti, James Turner posta un disegno sul suo twitter, affermando come non veda l’ora che vengano annunciate tante grandi cose sul mondo Pokémon quest’anno.

Indizi ottava generazione James Turner

Molti hanno fatto notare come potesse aver accennato a un reveal nel mese di maggio, ma guardando le precedenti campagne promozionali, nonostante il mese di maggio sia quello in cui inizia la vera e propria tempesta di notizie, un tease con starter, leggendari e titoli potremmo già averlo a nei primi due mesi dell’anno.

Il 2018 che Guzzlord mangia nel disegno è colorato esattamente con i colori principali di Sole e Luna, possiamo quindi dare quasi per certo che i titoli della nuova generazione si vestiranno di rosa e verde, decisamente un cambiamento netto rispetto le precedenti sfumature di rosso e blu.

Ciò che ha dato più all’occhio però è stata la corona sulla testa di Pikachu, che ha subito riportato in superficie il leak di qualche giorno prima, avviando una vera e propria investigazione su tutti i possibili temi esplorabili, e mentre sono venute fuori molte cose sensate e connesse tra loro, la The Pokémon Company stessa ha iniziato a postare indizi che hanno sempre di più spinto la veridicità del leak.

Infatti sui Twitter ufficiali di Pokémon, e dell’immancabile Junichi Masuda, sono state postate numerose foto ed immagini di Pikachu ed Eevee indossanti vestiti regali, tenendo in mano proprio uno scettro.

Pokémon Scettro

Pokémon Scettro

Potrebbe trattarsi ancora di una fortuita e incredibile coincidenza, ma se riflettiamo sul fatto che questa generazione sarà quasi sicuramente quella a ospitare i remake di Diamante e Perla, l’idea di utilizzare accessori ricchi di gioielli come simboli sembra sempre più sensata.

Non finisce qui. La Corona Imperiale di Stato, reliquia della monarchia inglese, pare sia composta di oro, argento, e platino e decorata con 2868 diamanti, 273 perle, e qualche rubino, zaffiro, e smeraldo.

Ero il primo a essere scettico e pensare che King e Queen sarebbero stati comunque nomi più adatti, aprendo tante possibilità attorno al design degli scacchi e delle carte, e credo ancora questa sia una possibilità, ma ad avermi convinto è stato l’ultimo (per ora) pezzo del grande puzzle che ha fatto da ultima pietra della lapide del mio scetticismo in merito al leak.

Indizio ottava generazione

Quella che vedete qui sopra è la foto della Spada della Giustizia utilizzata nell’antica Inghilterra per incoronare Re e Regina.
Non è tanto il fatto che ne esistano due, rispettivamente Spirituale e Temporale (tanto per richiamare il tema dei prossimi remake), ma nell’impugnatura è impossibile non vedere la faccia di Meltan e la sua evoluzione.

Vecchi rumor, nuove possibilità

Voglio concludere citando un mio vecchio articolo in cui speculavo su questi titoli.
Ricordate la possibilità che si chiamassero Più e Meno?
Qualche settimana fa è stata postata una foto dalla Game Freak, augurando buone vacanze a tutti, in una location già vista prima ma con due peluche di Plusle e Minun, come a voler lanciare un occhiolino a quei vecchi rumor.

Buon Natale Game Freak

La classica croce in cima alle corone e la forma allungata di uno scettro potrebbero essere una diretta evoluzione di quel concept.

Sempre in quell’articolo parlai poi dei vari indizi che sono sempre presenti in una generazione in merito alla prossima. Possiamo finalmente aggiungerne due che puntano proprio alla presunta regalità della regione che visiteremo quest’anno:

  • L’oggetto più costoso in Let’s Go è una corona indossabile dal nostro partner.
  • In Ultraluna, il Pokédex parla di Meowth forma Alola e della sua provenienza da una lontana casa regale.

L’unica cosa a farmi storcere ancora il naso è la mappa della regione.
Nonostante la sua forma ricordi un’Inghilterra orizzontale, l’esistenza delle Bahamas e della Sicilia vista sottosopra, decisamente più simili del Regno Unito al disegno sulla mappa, rende l’accostamento con l’Inghilterra molto forzato.

Mappa ottava generazione Pokémon

Per quanto mi riguarda, sarei molto contento se potessimo tornare in Europa dopo sei anni da quando abbiamo visitato Kalos, in una regione magari che ci faccia dimenticare per un po’ la tropicalità ridondante di Hoenn e Alola, dandoci la pioggia che non abbiamo neanche potuto goderci a Kanto.

E voi?


Nintendoomed partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Prova gratuitamente Amazon Prime per ricevere i tuoi acquisti in un giorno.

Il mio viaggio nel mondo dei videogiochi è iniziato quando per la prima volta ho acceso Pokémon Giallo sul mio Game Boy Color ancor prima di imparare a leggere, segnando quella che sarebbe diventata una devozione nei confronti della saga che probabilmente porterò nella tomba.

In palestra alzo pesi oltre a collezionare medaglie, prediligo il cibo sano, e nel tempo libero compongo musica elettronica o strimpello alla chitarra.

Attualmente studio programmazione e game developement, aspirando a lavorare nel campo videoludico per la vita. Mi trovate anche su Facebook.

Autore: Paolo "Polka" Iovino

Il mio viaggio nel mondo dei videogiochi è iniziato quando per la prima volta ho acceso Pokémon Giallo sul mio Game Boy Color ancor prima di imparare a leggere, segnando quella che sarebbe diventata una devozione nei confronti della saga che probabilmente porterò nella tomba. In palestra alzo pesi oltre a collezionare medaglie, prediligo il cibo sano, e nel tempo libero compongo musica elettronica o strimpello alla chitarra. Attualmente studio programmazione e game developement, aspirando a lavorare nel campo videoludico per la vita. Mi trovate anche su Facebook.