18 Giugno 2019 • Notizia

Spacciava pasticche di ecstasy a forma di Wario: arrestato

Nel nuovo Dr. Mario World appariranno Dr. Mario, Dr. Luigi, Dr. Yoshi, Dr. Peach, Dr. Toad e Dr. Bowser… manca solo Wario. Ma non temete, anche lui ha deciso di entrare nel business delle pillole colorate, solo in maniera diversa.

Dal quotidiano giapponese Asahi Shimbun scopriamo che un ventisettenne di Tokushima (città situata nell’isola di Shikoku, la più piccola dell’arcipelago giapponese) di nome Satoshi Kishimoto è stato arrestato per possesso di stupefacenti.

Nella sua abitazione sono stati trovati 0,4 g di cannabis liquida e 4,6 g di cannabis essiccata. E no, non è quello il maggior capo d’accusa. L’uomo aveva venduto 132 pastiglie tra MDMA e LSD in Spagna e nei Paesi Bassi. E guardacaso, le pastiglie di MDMA erano fatte a somiglianza del nostro antieroe preferito: Wario.

Ripassino per i verginelli come me: la MDMA, nota anche come EcstasyMollyBastarda è una droga entactogena che viene spesso prodotta in pastiglie dai design più svariati, inclusi quelli di personaggi della cultura popolare. Chiudiamo ricordandovi cosa diceva Mario a tal proposito, molti anni fa:

Fonte: Asahi Shimbun


Studente twentysomething dell’Università di Padova, dopo un’infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch… e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l’aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo).
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Michele "Comemichiamo" Mosena

Studente twentysomething dell'Università di Padova, dopo un'infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch... e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l'aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo). Lo trovate su Facebook e Twitter.