15 Novembre 2019 • Scherzendo

SCHERZENDO – Riferimenti a Pokémon Gun nei file di Spada e Scudo

Un bello e orribile/mostro si sferra/corre gli oceani/corre la terra. Si tratta delle copie leakate, flagello di Dio e dei recensori, e pure di Masuda. Esatto, parliamo ancora di Pokémon Spada e Scudo i nuovi capitoli della serie dei mostri tascabili, ambientati nella regione immaginaria chiamata Regno Unito.

Abbiamo una notizia succulenta per voi: un nostro utente della bella Sicilia, che ha chiesto di rimanere anonimo ma mi sta un po’ sulle balle quindi vi dico che si chiama Bruno, è riuscito a mettere le mani su una copia di Pokémon Spada venduta in un vicolo di Roccafiorita (Messina).

Bruno ha poi portato la copia nella sua comunità di giovani sfaccendati nel deep web, che ci ha rivelato chiamarsi Kobe Moor, dove ha proceduto a violentare la cartuccia per 12 ore di fila, pubblicando poi online l’intero codice di gioco.

Questo datamining un po’ aggressivo (dice la cartuccia che poi è sparito senza neanche una telefonata) ci ha portato molte novità. Certo, sappiamo già tutti i Pokémon, ma c’è qualcosa di nuovo nell’Ultrasole, anzi d’antico.

Quanto antico? Quanto il concetto di terza versione di Pokémon. Sì, lo sappiamo cosa state per dire. Dovevano annunciare sicuro Pokémon Grigio, e niente. Sicuro arriva Pokémon Z, niente. Sicuro arriva Smeraldo Delta, niente. Sicuro arriva Stars, niente. Ma stavolta è sicuro, ve lo garantisco su quello che volete. All’interno del codice sono presenti diversi riferimenti a qualcosa chiamato Pokémon Gun, e diversi analisti hanno già ipotizzato che potrebbe trattarsi di una terza versione, che creerebbe una sorta di “trilogia delle armi”.

E ora voi vi chiederete: ok la spada e lo scudo, ma le pistole stonano un po’ con il tema britannico no? Ebbene, un analista del Wall Street Journal, molto vicino a Game Freak (asserisce di aver portato il gelato e guardato “Le pagine della nostra vita” con Ohmori, la sera dopo il leak) ci ha raccontato una storia che ha dell’incredibile.

Sì, Pokémon Gun esiste. Si tratterà della terza versione dopo Spada e Scudo. Ambientata diversi anni nel futuro, non si svolgerà a Galar, ma in una sua ex-colonia chiamata Yew Nork (nome provvisorio), dove le sparatorie sono all’ordine del giorno. Gli antagonisti principali saranno il Team Incel (il nome sta per “incredibilmente celeri”) il cui capo prende ispirazione da un certo film che gli ha cambiato la vita… ma non posso rivelare altro! (Ride)

Vi ricordiamo, amici lettori di Nintendoomolino, che questo signore, pur con le sue belle parole, è solo un analista finanziario, e non può sapere se chi gli ha raccontato questa storia lo stava bellamente prendendo per il Weezing di Galar.

La morale è sempre quella: se incontrate un analista di Wall Street per strada, non parlateci, non accettate caramelle o previsioni sullo Switch Pro e soprattutto chiamate subito la polizia.

Immagine cover creata da Wicked.


Nintendoomed partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Prova gratuitamente Amazon Prime per ricevere i tuoi acquisti in un giorno.

Studente twentysomething dell’Università di Padova, dopo un’infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch… e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l’aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo).
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Michele "Comemichiamo" Mosena

Studente twentysomething dell'Università di Padova, dopo un'infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch... e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l'aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo). Lo trovate su Facebook e Twitter.