28 Febbraio 2019 • Scherzendo

SCHERZENDO – BREXIT: il Regno Unito lascia l’Unione Europea per diventare una regione Pokémon

Era nell’aria la voce che dava come vero motivo dietro l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea il voler diventare una regione Pokémon, ma adesso abbiamo delle conferme.

Parlando ai microfoni di Nintendoomed, Junichi Masuda e Shigeru Ohmori, rispettivamente director e game director degli appena annunciati Pokémon Spada e Pokémon Scudo, hanno rivelato le motivazioni dietro la mossa, iniziata più per scherzo dall’ex primo ministro David Cameron nel febbraio del 2016, per convincere l’Unione Europea sulla concretezza di un’uscita del Regno Unito dall’Unione.

Masuda: Durante il periodo in cui Cameron cercò di negoziare con Bruxelles eravamo completamente focalizzati sullo sviluppo di Pokémon Sole e Pokémon Luna per Nintendo 3DS. Non avevamo ancora pensato al futuro della serie, anche perché, francamente, stavamo pensando di più a realizzare i giochi che sarebbero usciti poi l’anno dopo, Pokémon Ultra Sole e Ultra Luna.

Ohmori: Oh sì, lo ricordo bene! Pokémon Sole e Luna erano il mio secondo progetto in qualità di director, e per questo motivo stavo valutando sul come rendere più interessante il mondo Pokémon senza tradire le aspettative dei fan arrivati su Nintendo 3DS e, soprattutto, senza complicare troppo la vita ai ragazzi del team di Pokémon Ultrasole e Ultraluna! *ride*

Fu infatti pochi mesi dopo l’annuncio dei giochi di settima generazione che ricevemmo un messaggio dal sig. Farage.

Masuda: Sì, *ride*, era molto euforico dietro l’idea della Brexit. Sapete, no, lui puntava principalmente sul “Leave”. Infatti mi contattò su Twitter, dove sono molto attivo, per propormi di supportare la sua campagna. Diceva che non era possibile lasciare alla Francia il piacere di essere la prima regione Pokémon europea. In verità non odiava davvero i francesi, anzi, da quanto mi diceva era davvero contento della qualità complessiva di Pokémon X e Y. Sperava quindi di potere mostrare ai francesi quanto fosse davvero bella la loro regione. Anche se a dirvi la verità non credo che intendesse davvero quello…
Ad ogni modo l’idea ci piacque molto, e per questo supportammo seriamente la loro proposta utilizzando una buona parte del nostro budget, cosa che ha comportato la cancellazione di Pokémon Z.

Ohmori: Non solo il nostro budget, ma anche quello di The Pokémon Company! Per loro non era una spesa, quanto un investimento. *ride* In Inghilterra è infatti presente la loro filiale, The Pokémon Company International, che è a stretto contatto con Nintendo of Europe. Con l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, però, TPCi ha adesso modo di essere meno dipendente da NoE, e quindi di offrirci tempi di sviluppo più celeri senza passare quindi direttamente per Nintendo, la quale come sapete è molto esigente per i suoi prodotti.

Tempi di sviluppo più celeri che possiamo da subito notare, in quanto l’annuncio è stato molto rapido rispetto a quello di Pokémon Let’s Go! Pikachu e Pokémon Let’s Go! Eevee dello scorso anno. Per l’occasione abbiamo quindi voluto sentire lo stesso Nigel Farage, autore della manovra politica che ha fatto tanto discutere.

Ormai è tutto pronto, manca poco ormai all’arrivo del 29 marzo, data in cui comincerà effettivamente la scissione. […] Non c’era bisogno di fare tardare ancora oltre l’annuncio dei nuovi giochi, e proprio per questo motivo non è stato fatto, per l’ennesima volta, un trailer che mischiasse realtà e finzione. Stavolta bastavamo noi.

Non vediamo l’ora di rinfacciare ai francesi la superiorità della nostra generazione rispetto alla loro. Non solo abbiamo tutti i Pokémon che erano stati introdotti nei loro giochi, ma adesso ne abbiamo pure di nuovi ed esclusivi. Uscire dall’Unione Europea è stata la cosa migliore che potessimo fare, davvero. Dovreste fare lo stesso voi italiani!

Insomma, per quanto si voglia cercare di evitare l’uscita, ormai è tutto deciso. E inoltre, non è possibile rinviare ulteriormente lo sviluppo dei giochi.


Nintendoomed partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Prova gratuitamente Amazon Prime per ricevere i tuoi acquisti in un giorno.

Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l’addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l’internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest’ultimo non lo usa mai).

Autore: Filippo "Flippoh" Corso

Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l'addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l'internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest'ultimo non lo usa mai).