La scena competitiva sud australiana di Super Smash Bros. Ultimate banna Eroe

2 min.
16.08.2019
Notizie


Come da titolo, la scena competitiva dell’Australia del sud ha deciso di bannare l’ultimo DLC di Super Smash Bros. Ultimate, l’Eroe. La decisione è stata discussa nel resto del mondo con pareri discordanti, più negativi che positivi, considerando la sua natura.

La motivazione principale del ban, infatti, non è tanto la forza del personaggio ma la casualità del moveset. Uno degli aspetti principale dell’Eroe è infatti il basarsi su un menù dei comandi, nel quale appaiono diverse magie molto forti ma in modo (quasi) del tutto casuale. La comunità si è espressa così riguardo alla scelta:

L’RNG permea ogni elemento del design dell’Eroe, dalla selezione delle magie fino ai colpi critici e gli effetti di Abracasualis. Nonostante la casualità sia stata sempre presente in vari livelli e negli altri giochi di Smash, l’Eroe è così legato alla casualità che non si può semplicemente “adattarcisi contro” o ignorare a un livello competitivo. Le ragioni sono analoghe ai motivi per cui gli strumenti sono bannati nei match competitivi.

Inoltre, gli altri effetti casuali del gioco, quali il Martello di Mr. Game & Watch o le Rape di Peach, richiedono che il giocatore metta a segno quella mossa. Nonostante non sia un problema principale, molti dei mezzi dell’Eroe, quali edgeguarding con Esplosione magica, Kamikaze non parabili o shield break con Carica sono spesso impossibili da evitare e possono decidere stock interi. Potere d’attacco imprevedibile e buff alla mobilità così come recovery gratis con Teletrasporto non hanno counterplay e possono modificare significatamente il risultato di un match.

Vogliamo enfatizzare con questo ban che non è perché l’Eroe è troppo forte, ma perché è anti-competitivo. Crediamo che i tornei siano un’occasione per i giocatori di dimostrare le loro abilità e che, come regola generale, il giocatore che riesce a dimostrarsi più abile ne esca vittorioso. Il design dell’Eroe ha un potenziale enorme nello sminuire l’abilità del giocatore, ciò non è giusto per quelli che lavorano duramente per migliorare le proprie abilità per la competizione.

Ragioni sicuramente accettabile che però lasciano tanti dubbi e domande. Nemmeno i giocatori più forti al mondo hanno un’opinione unica sull’argomento. Alcuni lodano la scelta, altri la definiscono affrettata o senza senso:

E voi da che parte state? Pensate che un kit come quello dell’Eroe possa effettivamente detrarre dalla competizione o è un’esagerazione?

Fonte: ResetEra

[amazon_link asins=’B07BZV8R5R’ template=’NDProductLink’ store=’nintendoomed-21′ marketplace=’IT’ link_id=’38667fb0-06fb-4705-91c1-683089847be9′]