Sakurai parla dell’impatto del COVID-19 su Super Smash Bros. Ultimate

2 min.
19.03.2020
Notizie


L’altro ieri vi abbiamo portato la traduzione di uno stralcio trapelato in anticipo dalla 600esima puntata della rubrica di Masahiro Sakurai su Famitsu, e la mancanza di contesto potrebbe rendere le cose un po’ confuse.

Ora per fortuna i nostri traduttori Twitter di fiducia (in questo caso Nokolo, con dettagli aggiunti in seguito dal solito PushDustIn) hanno avuto accesso al testo completo, che oltre alla discussione sul virus contiene anche un’intervento della fumettista Saho Yamamoto, nota tra i fan per Okazaki ni Sasagu.

La traduzione prosegue:

Purtroppo, il virus sta impedendo i viaggi d’affari di Sakurai. Per esempio, i viaggi alla sede Nintendo a Kyoto e alle altre aziende sono diventati problematici. Pianificare nuovi lottatori, presentarli ai publisher e tutte le riunioni sono state rimandate a data da destinarsi.

Si chiede anche se i suoi uffici possano chiudere, nel caso dovessero sorgere altri problemi [cioè contagi tra gli impiegati insomma]. In tal caso, lo sviluppo si fermerebbe del tutto.

Non solo lo sviluppo, ma anche procedure come la distribuzione, le vendite e la produzione.

“Per mantenere le persone e il nostro edificio puliti, dobbiamo prenderci una pausa. Please understand [bella citazione], questo è l’unico modo per superare questi tempi gravi.

Stemperiamo la tensione con qualche informazione dalla parte “manga” di questa rubrica.

Sakurai legge manga prima di dormire.

Gli piace giocare ad Apex Legends. Gioca un sacco tra giochi nuovi e classici in generale.

Non ha giocato molto a Overwatch online.

Più che giocare, preferisce guidare. Se fa bel tempo preferisce guidare ma se ha un gioco che vuole giocare, giocherà a quello invece.

Insomma, Masahiro Sakurai e il suo team possono prendersi tutto il tempo che gli serve. Anche se questo vorrà dire che nel frattempo esce un nuovo Fire Emblem e possono aggiungere anche il suo protagonista al Fighters Pass.