22 Settembre 2019 • Notizia

RUMOR: Un easter egg in Punch-Out!! Wii avrebbe causato non pochi problemi

Del tipo “spese per milioni di dollari ed una sfilza di licenziamenti”

Quando nel lontano 2009 Punch-Out!! Wii, ad opera di Next Level Games, venne pubblicato da Nintendo, tutti fummo molto felici di riincontrare sulle nostre console quella che è a tutti gli effetti una grande icona del passato videoludico. Negli uffici di Next Level Games, però, qualcuno non era altrettanto felice.

I ragazzi della serie YouTube Boundary Break, che si occupa di rompere, appunto, i limiti della telecamera di gioco e scoprire nuovi lati, letteralmente, dei modelli e delle ambientazioni di gioco, hanno infatti scoperto una cosa molto interessante. Nella versione americana e canadese del titolo (sviluppato in Canada), durante il match contro Piston Hondo per il mantenimento del titolo di campione, questi legge un manga fra un round dell’incontro e l’altro: si è scoperto, finalmente, che il manga in questione, formato da vere e proprie scansioni di pagine reali, altro non era se non il notissimo Sailor Moon.

A quanto pare, secondo le parole di una fantomatica fonte anonima vicinissima al progetto, la presenza dell’easter egg non venne assolutamente tenuta segreta, ma il direttore artistico del titolo avrebbe deciso di chiudere un occhio data l’enorme difficoltà nel poter vedere alcunché del manga e l’imminente data di rilascio americana (la prima al mondo) del gioco. Purtroppo però, non appena informata della cosa, Nintendo avrebbe deciso di interrompere le relazioni lavorative con Next Level Games, portando al licenziamento del direttore artistico e dei dipendenti coinvolti, e ad un ingente danno economico, nell’ordine dei milioni, per entrambe le aziende, con Nintendo che si è ritrovata a dover pagare Bandai per la licenza di Sailor Moon. Vedere il video per credere!

Insomma bambini, la morale della storiella di oggi è: non mettete cose che non dovreste nei vostri lavori per fare i fighi perché poi sono mazzate e non va bene.


Studente universitario amante delle arti canoniche tanto quanto del medium videoludico, ha deciso di unire assieme le due cose e dare la sua personalissima lettura al mondo dei videogiochi: non che ci si aspettasse diversamente da qualcuno che fa discorsi filosofici sulla trama di Drawn to Life 2. Quando non scrive, disegna, e quando non disegna è probabile che stia giocando a qualche RPG di bassa qualità per poi scriverci e/o disegnarci a riguardo, ovviamente.

Lo trovate su Facebook e YouTube.

Autore: Luigi "Enpitsu" Riccio

Studente universitario amante delle arti canoniche tanto quanto del medium videoludico, ha deciso di unire assieme le due cose e dare la sua personalissima lettura al mondo dei videogiochi: non che ci si aspettasse diversamente da qualcuno che fa discorsi filosofici sulla trama di Drawn to Life 2. Quando non scrive, disegna, e quando non disegna è probabile che stia giocando a qualche RPG di bassa qualità per poi scriverci e/o disegnarci a riguardo, ovviamente. Lo trovate su Facebook e YouTube.