Reggie Fils-Aimé fu scambiato per una guardia giurata al suo primo E3

1 min.
30.05.2020
Doomerissima


Ora che Reggie Fils-Aimé non è più costretto dai legacci PR di Nintendo of America ha la libertà di raccontarci un sacco di aneddoti sulla sua vita, e l’ha già fatto un sacco di volte, in podcast e in lezioni universitarie.

Dal podcast chiamato Talking Games arriva questa storia divertente sul primo E3 a cui Reggie ha partecipato con Nintendo.

Ero lì, con un completo a due pezzi e una maglietta nera sotto, in piedi, che osservavo la folla, e c’erano vari membri dello staff che andavano in giro facendo cose. Tutti dovevano avere il badge per far vedere che avevano il permesso di stare dove stavano. Quindi io sono lì che guardo la folla, e un membro dello staff si avvicina a me. Io mi giro a guardarlo e lui si immobilizza. Inizia a cercare il suo badge e me lo mostra, come a dire “va bene che io mi trovi qui.” Questo tizio pensava che fossi una guardia giurata.

In effetti, con la notevole statura di Reggie Fils-Aimé (per sue stesse parole “1,89 m. Ero 1,90 ma mi sono piegato sotto il peso delle domande su Mother 3“), il suo cipiglio severo da caraibico e gli abiti neri, era facile sbagliarsi quando il suo volto non era ancora noto nell’industria dei videogiochi. Non dice se indossava gli occhiali da sole, ma a noi piace immaginarcelo così.

Se questa fosse una sitcom, ci sarebbero 10 minuti di gag su Reggie che si ritrova a fare la guardia giurata e ne combina di tutti i colori, ma nella realtà l’unica gag dev’essere stata la reazione di quell’uomo quando ha visto la “guardia giurata” salire sul palco e fare la presentazione di Nintendo.

Speriamo solo che Reggie abbia ancora tanti di questi aneddoti in serbo per noi!

Fonte: Nintendo Life