18 Novembre 2015 • Recensione

La Grande Avventura di Snoopy (Wii U)

In concomitanza con l’uscita nelle sale di Snoopy & Friends: Il film dei Peanuts, è stato reso disponibile nei negozi l’annesso videogioco su licenza, ovvero, Il film dei Peanuts: La grande avventura di Snoopy, un gioco di piattaforme che vede per protagonista il bracchetto disegnato da Charles M. Schulz.

Durante l’usuale pisolino di Snoopy, Charlie Brown e i suoi amici decidono di giocare a nascondino. Al suo risveglio, il nostro eroe viene avvisato dall’uccellino Woodstock della scomparsa dei loro amici, indicando come unica traccia delle caramelle gommose. Da qui comincerà il nostro viaggio all’interno della mente di Snoopy per ritrovare i bambini scomparsi. Premessa: Snoopy ha una fervida immaginazione, davvero.

Piuttosto che focalizzarsi sul level design, gli sviluppatori hanno preferito confezionare ampi livelli da esplorare, puntando tutto sulla ricerca dei collezionabili. Proprio per come sono strutturati gli scenari, però, risulta difficile incappare nel “game over”: sarà davvero raro imbattersi in un burrone o in un nemico che possa essere considerato un vero ostacolo dal giocatore. Le stesse battaglie contro i boss non rappresentano una sfida molto impegnativa, dato che nella maggiorparte dei casi si tratta di normali livelli che non prevedono un combattimento diretto, quanto più una fuga dagli attacchi nemici. È evidente che gli sviluppatori hanno preferito realizzare un prodotto indirizzato principalmente ai bambini, tenenendoli per mano durante tutta l’avventura. Forse anche troppo, considerando che l’esperienza non risulta di per sè particolarmente stimolante.
È presente una modalità cooperativa con la quale il secondo giocatore potrà utilizzare l’uccellino Woodstock per aiutare Snoopy all’interno dei livelli. Grazie al piccolo pennuto saremo in grado di stordire i nemici e di attivare alcuni tipi di piattaforme movibili, grazie alle quali il nostro personaggio potrà accedere a percorsi altrimenti ben più difficili da raggiungere.

SnoopyWiiU (1)
Ad un eventuale secondo giocatore toccherà rivestire i panni dell’uccellino Woodstock.

Come ho precedentemente accennato, il gioco pullula di collezionabili sparsi all’interno dei livelli. Il giocatore dovrà sia raccogliere le caramelle gommose che ritrovare i sei membri dei Bracchetti Scout. Parlando di questi ultimi, ho trovato abbastanza fastidioso il fatto che venga mostrato lo stesso identico messaggio ogni volta che si riesce a salvare uno di questi volatili. Credo che la mia memoria funzioni ancora bene, non c’è bisogno che mi si ricordi costantemente che devo trovare i sei membri della brigata anche quando me ne manca solo uno.
In ogni caso, non sarà possibile raccogliere tutti i collezionabili durante la nostra prima visita di un livello, perché gli scenari di questo gioco sono stati pensati per avere una struttura aperta che consente al giocatore di intraprendere vari percorsi. Alcuni di questi, però, non saranno raggiungibili o percorribili immediatamente, ma solo dopo aver ritrovato dei costumi speciali che doneranno a Snoopy delle peculiari abilità. L’immancabile costume di Joe Falchetto, ad esempio, ci consentirà di effettuare un doppio salto e di congelare i nemici, per poi usarli come piattaforme.

SnoopyWiiU (2)
Non solo caramelle gommose, il giocatore dovrà anche ritrovare i sei Bracchetti Scout.
Tutto ciò potrebbe risultare snervante, perché tornare in livelli già visitati porta il gioco a diventare ripetitivo e, conseguentemente, noioso. Inoltre, gli scenari sono dei veri e propri labirinti e trovare la strada alternativa che si sta cercando non sempre risulta immediato, rendendo il tutto ancora più tedioso. Sarebbe stato semplice risolvere questo problema,  mostrando sullo schermo del Wii U Gamepad una mappa, o qualcosa che potesse aiutare il giocatore ad orientarsi, ad esempio. C’è da specificare, tuttavia, che la raccolta dei collezionabili non è in alcun modo obbligatoria, dunque quella sensazione di ridondanza poco sopra descritta graverà solo sui giocatori “completisti”.
A proposito del Wii U Gamepad, non è stata sfruttata nessuna caratteristica di questo dispositivo, eccezione fatta per l’Off-TV Play, funzione che, come saprete, è utilissima per chi vuole giocare a TV spenta, utilizzando solo lo schermo del proprio controller.

Graficamente il gioco impressiona per il delizioso stile grafico scelto dagli sviluppatori e per le animazioni che ricalcano vagamente lo stile del film e degli altri cartoni de I Peanuts. Purtroppo, però, il gioco è afflitto da occasionali cali di frame-rate che potrebbero eventualmente risultare fastidiosi.

SnoopyWiiU (3)
Il colpo d’occhio offerto da questa produzione risulta generalmente piuttosto gradevole.

Purtroppo, il gioco non permette di pubblicare screenshot e ciò rappresenta una vera nota dolente, dato che alcuni collezionabili sono talmente difficili da localizzare che il supporto a Miiverse sarebbe tornato parecchio utile (per chiedere suggerimenti ad altri giocatori).
In fin dei conti, comunque, è un gioco di piattaforme simpatico, ben lontano dagli standard qualitativi dei suoi concorrenti, come la serie di New Super Mario Bros. o il più recente Yoshi’s Woolly World, ma che riesce comunque ad intrattenere, nonostante offra solo una manciata di livelli che riescono ad offrire delle soluzioni di gameplay davvero accattivanti (come, ad esempio, le sezioni anti-gravità o quelle aeree).

GRANDE COCOMERO/10

Consigliato a chi cerca un platform senza infamia e senza lode con cui passare un pomeriggio con Snoopy ed i suoi amici.

Nintendoomed partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.

Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l’addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l’internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest’ultimo non lo usa mai).

Autore: Filippo "Flippoh" Corso

Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l'addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l'internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest'ultimo non lo usa mai).