25 Aprile 2016 • A ruota libera

La lista della spesa di Project NX: ecco alcune previsioni e speranze

Avete presente quei listoni di presunte informazioni “leakate” riguardanti Project NX che in questo periodo stanno comparendo un giorno sì e l’altro pure su Reddit, NeoGAF e simili? A volte sono delle vere e proprie fughe di notizie credibili ed affidabili, ma nella maggior parte dei casi sono solo delle enormi bufale inventate da qualche burlone con troppo tempo libero a disposizione.
Beh, voglio fare anche io un listone della spesa, ma senza fingere di essere un fantomatico impiegato di Ubisoft Milano che sa tutto sulla nuova console di Nintendo, nah. Quelle che potete leggere di seguito, infatti, sono semplicemente le mie ipotesi di come sarà Project NX e di cosa sarà mostrato a riguardo all’E3.

Zelda U e altri giochi per Wii U saranno rimasterizzati per NX

Zelda NX

Sviluppare videogiochi ad alto profilo (o AAA, se preferite), forse lo saprete, costa un sacco di dindini e aziende come Nintendo contano di ottenere dei giganteschi guadagni dalla vendita di alcuni di questi prodotti. È per questa ragione che non avrebbe commercialmente senso lanciare un gioco costoso (eppure così potenzialmente proficuo) come il nuovo The Legend of Zelda in esclusiva per Wii U, una console dalla base installata estremamente ristretta e che quindi potrebbe garantire solo delle aspettative di vendita molto limitate.
Dunque, penso che il lancio di una versione per NX del nuovo Zelda sia davvero prevedibile. Ovviamente il gioco uscirà anche su Wii U, sicuramente, Nintendo non farebbe mai un torto del genere agli acquirenti di quella console che hanno pazientamente aspettato questo gioco così tanto a lungo. Dopotutto, c’è un precedente, quello di The Legend of Zelda: Twilight Princess uscito quasi in contemporanea sia su Wii che su Nintendo Gamecube nel dicembre del 2006.
Per la stessa ragione, credo che molti dei best-seller per Wii U verranno prima o poi rimasterizzati per questa nuova console: Smash Bros., Splatoon, Mario Maker, Mario 3D World ed altri sono tutti giochi che hanno venduto un sacco, ma che avrebbero potuto vendere molto di più. Questo perché in parecchi vorrebbero toccare con mano (e quindi comprare) questi giochi, ma in pochi possiedono un Wii U o sono disposti ad acquistarne uno. Con la stessa filosofia in mente, Nintendo realizzò la collana di giochi “New Play Control!” per Wii.

Project NX sarà completamente region-free

MyNintendo region free

Sapete cosa ritrae lo screenshot che vedete qua sopra? Esatto, il sito giapponese di Nintendo, ma non solo: il riquadro in alto a destra indica che io, un italiano, sono loggato su quel sito tramite il mio account, che è anch’esso italiano, di My Nintendo. Potrebbe sembrare roba da poco, ma in ambito Nintendo si tratta di una novità straordinaria che fa anche ben sperare. Per cosa? Ma per l’eliminazione del region-lock, ovviamente.
Quasi tutte le console di Nintendo hanno sempre avuto un blocco regionale che impedisce, ad esempio, ad un giocatore europeo di giocare con una cartuccia o un disco importati dal Giappone, o dagli Stati Uniti. Personalmente non è qualcosa che mi infastidisce, ma capisco che può essere incredibilmente frustrante per alcune persone. E i fan, nel corso di questa generazione che sta ormai per concludersi, si sono fatti sentire da Nintendo circa la suddetta questione. E Nintendo pare aver ascoltato attentamente, come dimostra questa notizia di circa un anno fa.

Project NX non sarà retrocompatibile né con Wii U, né con Nintendo 3DS

double Wii U Gamepad

Questa previsione si basa più che altro su un’impressione che ho a pelle, senza dei veri e propri fondamenti logici, ma ne sono comunque sufficientemente certo: Project NX non avrà alcun genere di retrocompatibilità.
Nintendo con Wii e Wii U (ma anche con i vari handheld, a dirla tutta) ci ha abituato a console in grado di farci giocare anche ai giochi per i sistemi precedenti, tuttavia credo che a questo giro non sarà così. Un po’ perché penso che cercheranno di tagliare ogni cosa superflua al fine di abbassare il più possibile il prezzo della console, ma anche perché se avessero in mente di realizzare remaster a manetta (come descritto nel primo punto di questa lista), la retrocompabilità urterebbe un po’ i loro interessi commerciali.
Certo, anche il Wii era retrocompatibile con il Nintendo Gamecube e contava alcune conversioni di giochi per quella console nella sua ludoteca (nello specifico The Legend of Zelda: Twilight Princess, i giochi della collana New Play Control! e Metroid Prime Trilogy), ma in quel caso c’era in ballo un entusiasmante ed inedito “selling point”: i motion control.
Un gioco per Wii U portato su una console più potente, invece, probabilmente non avrebbe molto di nuovo da offrire, se non una risoluzione nativa lievemente più alta e grafica leggermente ritoccata. Tutta roba relativamente poco entusiasmante.

Pikmin, Mario e un nuovo gioco di Retro Studios per NX mostrati a questo E3

pikmin 3

Sì, ok, ma che giochi avrà mai questa nuova console? Avremo tutti delle alte aspettative a riguardo e nemmeno io so con certezza cosa mostreranno a questo E3, ma sono abbastanza sicuro che vedremo almeno queste cose: Pikmin 4, un nuovo gioco di piattaforme in 3D di Super Mario e forse il nuovo gioco di Retro Studios, qualsiasi esso sia.
Dico Pikmin 4 perché Miyamoto dichiarò a settembre dell’anno scorso che lo sviluppo di questo gioco era “molto vicino al suo completamento”.
Dico un nuovo Mario 3D (e non 2D visto che Mario Maker è uscito pochissimo tempo fa) perché… sì, insomma, dai, è scontato che mostreranno un nuovo Mario, lo hanno sempre fatto quando hanno presentato una nuova console in passato (Nintendo 3DS a parte). Mario è alla base di Nintendo. Il più delle volte Nintendo ha progettato le sue console attorno ai nuovi giochi di Mario che stava sviluppando. Come se non bastasse, EAD Tokyo sta lavorando ad un nuovo platform in 3D dal 2013, e Miyamoto ha più o meno chiarito parecchio tempo fa che si tratta di un gioco next-gen.
Dico Retro Studios perché, beh, a dire il vero questo è quello per il quale sono meno sicuro, mi pare semplicemente sensato: è da parecchio (dal 2014) che non abbiamo notizie ufficiali da questo studio texano e i tempi sembrano essere maturi o quasi. In ogni caso, è molto probabile che stiano lavorando a qualcosa di completamente diverso (niente Metroid o Donkey Kong) per NX. A proposito, vi ricordo di questo leak recente.

Il nome della console includerà “ii” nel nome

nintendo brand

Poco da aggiungere, ve ne ho già parlato approfonditamente qui. Non vedo l’ora di comprare il mio “Nintendo Striim”.

Project NX in realtà non sarà UNA console

android-nintendo

Questo è una teoria che già vi avevo illustrato un annetto fa, cliccate qui per leggere l’articolo in cui ne parlo in maniera approfondita, fornendo anche alcune prove a sostegno delle mie tesi.
Riassumendo, invece… sì, ovviamente sarà una console, ma non solo UNA, secondo me. Credo che NX potrebbe in realtà essere una specie di ecosistema di dispositivi che condivideranno lo stesso OS e gli stessi giochi/software (stile iDevice e Android Device, insomma).
Tenendo questo a mente, se alla fine di quest’anno uscisse l’iNintendo, tra due o tre anni potrebbe uscire un iNintendo 2 che sarà in grado di far girare gli stessi giochi dell’iNintendo 1, ma con grafica aggiornata. E due/tre anni dopo ancora potrebbe uscire un iNintendo 3 compatibile con gli stessi giochi dell’iNintendo 2, ma con grafica addirittura migliore, che renderebbe l’iNintendo 1 completamente obsoleto (o “old gen”, se vogliamo). E così via fino alla fine dei tempi. Sarebbe più o meno la stessa cosa che fa già Apple con i vari iPhone e iPad da un decennio.
Nintendo ha fatto intuire che con NX vogliono rivoluzionare il concetto basilare di “console”. Forse intendono farlo in questo modo?
È una prospettiva che personalmente mi intriga moltissimo, perché in merito alle console di videogiochi non sono in pochi quelli che si lamentano dell’arretratezza dell’hardware rispetto a quello che i PC hanno da offrire. Questo potrebbe essere un modo intelligente di restare costantemente al passo coi tempi senza però costringere i consumatori a dover comprare una nuova console ogni paio d’anni (sarebbe opzionale, se hai l’iNintendo 1 ed esce l’iNintendo 2, puoi tenerti l’iNintendo 1 e giocare comunque quello che vuoi, almeno finché non uscirà l’iNintendo 3 e il supporto di quel modello non cesserà). E questo schema, ovviamente, potrebbe includere anche un iNintendo Portable, ovvero una versione portatile di Project NX, essenzialmente.
Se ci pensate bene, non è qualcosa di troppo diverso da ciò che già è stato sperimentato con il New Nintendo 3DS, che è solamente un Nintendo 3DS più potente che permette di far girare con un miglior frame-rate giochi come Smash Bros., Pokémon e Hyrule Warriors, che sono comunque perfettamente compatibili con i modelli più vecchi della console.

Il controller avrà un touch screen e forse sarà pure senza tasti

NX_controller

In molti vorrebbero che Project NX fosse semplicemente una console molto potente e dotata di un normalissimo controller, ma secondo me sarebbe tristissimo e contraddirebbe completamente la filosofia tipica di Nintendo (la stessa che l’azienda porta avanti sin dal 1983, mica è nata con Wii e DS come molti pensano).
Prevedo, dunque, che anche stavolta vedremo un controller strano, uno che probabilmente non abbandonerà completamente l’idea del touch screen, ma che piuttosto la espanderà nel modo giusto (si spera).
Credo che il fantomatico controller senza tasti, del quale s’è discusso parecchio ultimamente, sia una possibilità plausibile, ad esempio. Certo, può sembrare completamente insensato, ma forse Nintendo ha delle intenzioni ben precise con Project NX. Forse, un po’ come fu con il Wii, vogliono tentare nuovamente di rendere il gaming qualcosa che sia il più facilmente accessibile possibile. Il Telecomando Wii era un controller perfetto in questo senso: era incredibilmente facile ed intuitivo da utilizzare, con soli due tasti principali (A e B), sensori di movimento e puntatore.
Un controller dotato di solo un touch screen e di due levette analogiche potrebbe essere altrettanto utile al suddetto scopo, specie considerando che la maggior parte dei giocatori odierni non ha mai tenuto un controller in mano ma è bensì abituata all’utilizzo quotidiano di smartphone e tablet?
Pensiamo ad esempio ad un Pikmin 4 nel quale si userebbe un analogico per muoversi, l’altro per ruotare la telecamera (quando e se serve) e delle gesture sul touch screen per stabilire dove lanciare i Pikmin. Oppure pensiamo ad un ipotetico Zelda, dove per attaccare con la propria spada potrebbe essere sufficiente delineare delle linee orizzontali, verticali o oblique sullo schermo, in base alla direzione verso la quale si vogliono menare i fendenti (in Skyward Sword si fa la stessa cosa, ma tramite motion control).
Si tratterebbe di un modo di giocare che potrebbe indurre all’acquisto di questa console anche i giocatori che sono solitamente scoraggiati dalla complessità dei controller moderni.

Uscirà in tempo per le festività natalizie di quest’anno

Natale Nintendo

Eddai, è scontato. Nintendo è già tre anni indietro rispetto alla concorrenza (o tre anni in anticipo? Mhm…), vorrà pure darsi una mossa. Inoltre, ormai le uscite di giochi first-party per Wii U e Nintendo 3DS sono davvero parecchio sporadiche, sembra proprio che Nintendo sia già completamente concentrata sulla next-gen.
Insomma, credo proprio che Project NX arriverà sul mercato mondiale tra novembre e dicembre del 2016. Giochi di lancio? Mhm, sicuramente Zelda U, err, NX, ma non saprei che altro.

Cosa ne pensate di questo listone, allora? È credibile? Pensate che NX sarà proprio così? Sarà divertente poi rileggere questo articolo dopo il reveal della console per vedere quanta verità celava questo elenco.
E il vostro di listone, invece, qual è?

Il fondatore, ormai non più attivo sul sito. Ovviamente anche lui ha un problema come molti di noi: è un gattaro.

Autore: Jun

Il fondatore, ormai non più attivo sul sito. Ovviamente anche lui ha un problema come molti di noi: è un gattaro.