8 Giugno 2018 • Notizia

Alcune testate parlano della preview di Team Sonic Racing

Qualche settimana fa SEGA ha tenuto un evento preview di Team Sonic Racing nel Regno Unito, durante il quale pochi eletti hanno potuto mettere le mani sul nuovo gioco di corse di SEGA.

Un utente di ResetEra ha raccolto gli stralci più importanti dalle testimonianze di Kotaku UK e di Shacknews, oltre a questo video di gameplay di Laura Kate Dale, in arte LauraKBuzz.

Kotaku:

Team Sonic Racing è un gioco di corse con kart a 12 giocatori, dove i corridori sono divisi in quattro team. Mentre di solito i giochi di kart ricompensano i giocatori per la loro performance individuale e il loro piazzamento al traguardo, Team Sonic Racing dà punti a ogni membro delle squadre in base alla loro posizione in classifica, poi somma i punti per una valutazione complessiva del team. In parole povere, non puoi vincere da solo semplicemente correndo meglio degli altri; se la squadra non fa bene, non lo fa nessuno.

Team Sonic Racing dà ai giocatori una serie di oggetti per aiutare i propri compagni, cose che non ho mai visto in questo tipo di gioco di corse cooperativo. Se raccogli uno strumento (chiamato Wisp) sul percorso, ma sei notevolmente avanti ai tuoi compagni di squadra, puoi premere un pulsante per offrire lo strumento alla tua squadra. Se uno dei membri accetta e raccoglie l’oggetto, questo passerà a lui, permettendogli di guadagnare terreno più facilmente (e al contempo toglierti un po’ di gente dalle calcagna). Se sei tu il giocatore indietro, puoi usare lo stesso pulsante per richiedere strumenti alla tua squadra, e chiunque abbia un oggetto a disposizione ha la possibilità di passartelo. Passando strumenti tra compagni di squadra, colpendo i nemici o eseguendo mosse cooperative come tagliarvi l’aria a vicenda, puoi riempire una barra di energia di squadra che, una volta completa, può essere attivata per dare a ogni membro della squadra un’accelerata breve ma sostanziale.

Shacknews:

Anche se SEGA e Sumo Digital vogliono inserire 15 personaggi, solo 12 possono essere in gara contemporaneamente. Quattro squadre di tre, ognuna delle quali comprende un corridore specializzato in Velocità, Tecnica e Forza. Ognuno di questi corridori ha le sue statistiche, veicoli e opzioni di customizzazione. Per questa demo, abbiamo potuto usare Team Sonic (Sonic, Tails e Knuckles) e Team Dark (Shadow, Rouge e Mega [forse intende Omega? n.d.t.]), ognuno dei quali ha statistiche differenti e si scambiano battute diverse durante la corsa.

La corsa ricorda quella di un normale gioco di corse arcade. Noi di Shacknews abbiamo potuto provare un pezzo del Wisp Circuit, un normale circuito da tre giri. La cosa interessante di questo circuito è che comprende strade multiple, con l’opzione di andare a sinistra, a destra o al centro. Ogni strada è notevolmente diversa, alcune lunghe e più dritte, mentre una presentava le classiche giravolte alla Sonic. Sarà interessante notare come altri percorsi più complessi sfrutteranno la meccanica dello scambio di strumenti.

Quindi il gioco sarà in gran parte cooperativo, e la divisione in squadre ricorda il famigerato Sonic Heroes del 2004 per GameCube, PS2, Xbox e PC. Almeno ora sappiamo cosa vuol dire quel “team” nel titolo.

Fonte: ResetEra


Studente twentysomething dell’Università di Padova, dopo un’infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch… e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l’aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo).
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Michele "Comemichiamo" Mosena

Studente twentysomething dell'Università di Padova, dopo un'infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch... e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l'aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo). Lo trovate su Facebook e Twitter.