Overwatch: Jeff Kaplan parla delle novità che verranno introdotte con la patch di febbraio

2 min.
31.01.2020
Notizie


Overwatch è ormai un titolo con una lunga storia di aggiornamenti e modifiche alle spalle e fra non molto potrebbe pure arrivare un sequel. Tra nuovi eroi, patch e stagioni competitive, il gioco è ben diverso da com’era l’uscita. Ma a quanto pare tutto ciò non è abbastanza per i nostri cari sviluppatori.

Infatti, a detta del direttore Jeff Kaplan, la patch 1.45 all’inizio di febbraio porterà grandi novità e cambiamenti al metagame. Per tutti gli interessati, potete vedere il video a riguardo qua sotto:

Detta molto in breve: ci sarà un generale cambiamento nella filosofia di bilanciamento. Il team di sviluppo ha intenzione di implementare modifiche più aggressive e sostanziali ma sarà anche aperto all’idea di cambiarle o rimuoverle nel caso queste si rivelassero problematiche.

Oltre a questo nuovo approccio, avremo anche un modo per testare le nuove patch in anteprima con la Modalità Sperimentale. Nella schermata di gioco verrà introdotta questa nuova scheda in cui gli utenti potranno giocare e testare i cambiamenti, ricevendo anche reward. A differenza del Reame Pubblico di Prova (PTR), questa modalità non verrà usata per cercare bug ma solamente per il bilanciamento del gioco.

Altra grande e importante introduzione, sarà il metodo di selezione degli eroi, per aiutare a rendere il metagame più vario. A parte dalla stagione 21, infatti, alcuni eroi saranno esclusi dalla modalità competitiva per una settimana a rotazione. Questo metodo, che riguarderà solo competitive e non quelle Arcade o rapide, è ancora sperimentale e potrebbe venir abbandonato più avanti.

Per concludere, la nuova patch introdurrà ulteriori controlli contro i cheat e aggiornamenti generali al Workshop.

Sicuramente cambiamenti interessanti che potrebbero rivelarsi vincenti come portare problemi. Se da una parte l’aggiornare un titolo competitivo spesso può effettivamente rendere il metagame più vario e interessante, questo potrebbe anche alienare i giocatori che si ritroverebbero con un gioco diverso a ogni stagione. Magari con Overwatch potrebbe funzionare bene, chissà! Non ci resta che attendere e vedere come si evolverà la situazione.

[amazon_link asins=’B07XFDDSWD’ template=’NDProductLink’ store=’nintendoomed-21′ marketplace=’IT’ link_id=’da31a1e8-fb6f-4904-bef5-86d26eef2825′]