29 Giugno 2018 • Notizia

Nintendo Switch: il tempo speso in modalità portatile e TV è simile

Nintendo Switch è uscito ormai da un anno e tre mesi, e ogni giocatore ha trovato il suo modo preferito per sfruttare la console ibrida. Chi ci gioca solo attaccato alla TV tranne quando va in viaggio, o chi lo tiene continuamente staccato e se lo porta in cucina, a letto, in bagno, alle feste sul tetto…

In una recente intervista, il sito web Ars Technica ha parlato con il vicepresidente di vendite e marketing di Nintendo, Doug Bowser (sì, è il suo vero nome). Secondo Bowser, il tempo totale speso dagli utenti in modalità TV e in modalità portatile è pressoché lo stesso. Ovviamente, con portatile si intende sia con i Joy-Con attaccati alla console che staccati.

Bowser ha aggiunto che, com’è ovvio, i dati variano da gioco a gioco: un titolo come Just Dance sarà più spesso attaccato al dock, mentre Mario Kart e Zelda sono più popolari al ces- in viaggio.

Lo scorso ottobre, Nintendo aveva annunciato che la percentuale di giocatori che distribuivano equamente il tempo di gioco tra portatile e TV era circa il 50%, mentre il 30% circa preferiva la modalità portatile e il 20% la modalità TV. Con “preferiva” intendo “Switch era in quella modalità per più dell’80% del tempo).

Ciò però, tiene conto solo dei giocatori connessi online, quindi potrebbe non rispecchiare completamente la realtà. Ma dubitiamo ci sia una tribù di selvaggi senza Internet che giocano a Switch esclusivamente in portatile.

Fonte: Ars Technica


Studente twentysomething dell’Università di Padova, dopo un’infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch… e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l’aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo).
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Michele "Comemichiamo" Mosena

Studente twentysomething dell'Università di Padova, dopo un'infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch... e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l'aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo). Lo trovate su Facebook e Twitter.