18 Luglio 2019 • Notizia

Nintendo ha depositato il marchio “Nintendo Switch Do” in Israele

Donne dududu

Eccoci a un’altra puntata di “I brevetti misteriosi di Nintendo“. Stavolta si tratta di un marchio recentemente (16 luglio) approvato dall’ufficio brevetti israeliano: Nintendo Switch Do.

La notizia ci arriva dal sito olandese Let’s Go Digital, che afferma che il marchio è stato depositato l’8 luglio e approvato appunto 8 giorni dopo. Dai dettagli presenti nel documento ufficiale non si riesce a capire bene di cosa si tratti. La traduzione inglese parla di Video game programs; Downloadable video game programs; Video game cartridges; Electronic storage media recorded with programs for consumer video game apparatus e altri termini intercambiabili.

Gli olandesi fanno diverse ipotesi: potrebbe trattarsi di un servizio stile NSO per il recentemente annunciato Nintendo Switch Lite, oppure semplicemente la cosa ha a che fare con il Nintendo Store ufficiale che ha aperto lo scorso giugno a Tel Aviv. Magari un’area di gioco libero all’interno del negozio? In ogni caso, teniamo gli occhi aperti e magari uno store del genere arriverà anche qui da noi. A Milano ovvio, perché esiste solo Milano a quanto pare.


Studente twentysomething dell’Università di Padova, dopo un’infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch… e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l’aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo).
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Michele "Comemichiamo" Mosena

Studente twentysomething dell'Università di Padova, dopo un'infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch... e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l'aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo). Lo trovate su Facebook e Twitter.