27 Settembre 2015 • Notizia

Nintendo spiega perché gli elementi di Mario Maker non erano tutti subito disponibili

Nel momento in cui si comincia a creare livelli in Super Mario Maker ci vengono dati a disposizione diversi elementi, ma non tutti. Dobbiamo quindi o aspettare poco più di una settimana o sbloccarli con altri metodi. Takeshi Tezuka ci spiega perché fare così invece che lasciare libero sfogo dall’inizio alal fantasia del giocatore

“Questa scelta fa parte del nostro solito modo di fare. Volevamo che il giocatore attendesse i prossimi premi man mano che si abituava al gioco. Secondo i nostri test, abbiamo capito che se fosse stato tutto disponibile già dall’inizio allora molti giocatori si sarebbero ritrovati spaesati e non si sarebbero divertiti allo stesso modo. Tuttavia, comprendo chi avrebbe voluto sbloccare gli elementi prima.”

In sostanza, si tratta di un ragionamento analogo a quello sulle armi di Splatoon.
Con la differenza che in questo caso, trattandosi di un sandbox, questa decisione sembra ancora più adatta alla situazione. Io stesso sinceramente con l’imbarazzo della scelta non avrei potuto imparare a sfruttare al meglio certi oggetti.
Proprio come ha detto Tezuka, è questo il tipico modo di fare di Nintendo, cioè di tenere per mano i giocatori più inesperti per aiutarli a prendere familiarità con il gioco.

Fonte.

Studente fuorisede e (sedicente) appassionato di RPG, in particolare Dragon Quest e Fire Emblem. Passa più tempo a cercare di recuperare vecchi giochi che a provarne di nuovi. Quando non scrive articoli, probabilmente sta perdendo tempo all’arena dei mostri per ottenere la spada Falcon.
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Dario "Spiky" Vetrano

Studente fuorisede e (sedicente) appassionato di RPG, in particolare Dragon Quest e Fire Emblem. Passa più tempo a cercare di recuperare vecchi giochi che a provarne di nuovi. Quando non scrive articoli, probabilmente sta perdendo tempo all'arena dei mostri per ottenere la spada Falcon. Lo trovate su Facebook e Twitter.