Nintendo: ecco il resoconto finanziario per il secondo trimestre del 2020

4 min.
06.08.2020
Notizie


È quel periodo dell’anno (be’, dei tre mesi). Nintendo ha rilasciato oggi il resoconto finanziario per il secondo trimestre del 2020 (da aprile a giugno). Se volete il nitty-gritty potete trovare qui il documento pieno di tabelle e percentuali, ma noi qui traduciamo l’altro allegato, con una serie di punti d’interesse. Eccoli!

Rispetto [allo stesso trimestre dell’]anno scorso, il ricavo netto è salito del 108,1% a 358,1 miliardi di yen [circa 2 miliardi €]. L’utile operativo è salito del 427,7% a 144,7 mrd. yen [1,1 mrd. €]. Il profitto abituale è salito del 576,2% a 150,3 mrd. yen [1,2 mrd. €], e l’utile netto è salito del 541,3% a 106,4 mrd. yen [850 milioni €].

Le vendite del business dei videogiochi sono salite 113,2% a 344,5 mrd. yen [2,7 mrd. €]. Sia l’hardware che il software Nintendo Switch hanno avuto buoni risultati, risultando in un aumento delle vendite.

Le vendite derivate dalle IP e dal mobile sono salite del 32,7% a 13,2 mrd. yen [105 mio. €], risultato derivato soprattutto dalla crescita rispetto all’anno scorso delle transazioni su mobile.

Il profitto lordo è salito del 153,6% a 211,5 mrd. yen [1,6 mrd. €] grazie alle vendite aumentate.

Il margine di profitto lordo è salito di 10,6 punti percentuale fino al 59,1%. Anche se la potenza dello yen ha avuto un impatto negativo, è stato controbilanciato dall’aumento delle vendite.

[…]

Non ci sono cambiamenti alle previsioni per l’anno fiscale aprile 2020-marzo 2021 rispetto a quanto annunciato il 7 maggio 2020.

Le vendite della famiglia Nintendo Switch [rispetto allo stesso trimestre nel 2019] sono salite del 166,6% a 5,68 milioni di unità. Di queste 3,05 mio. Nintendo Switch e 2,62 mio. Nintendo Switch Lite.

Riguardo al software, Animal Crossing: New Horizons, uscito lo scorso anno fiscale, ha contribuito alla crescita delle vendite e [in questo trimestre] ha venduto 10,63 milioni di unità per un totale di 22,4 milioni. Due nuovi titoli usciti quest’anno fiscale sono stati Xenoblade Chronicles Definitive Edition, che ha venduto 1,32 mio. di unità, e 51 Worldwide Games, che ne ha vendute 1,03 mio. Inoltre, i titoli classici degli anni precedenti continuano a vendere. Le vendite dei titoli di altri publisher sono cresciute, e dall’inizio di quest’anno fiscale ci sono 9 titoli che hanno superato il milione di copie, 7 di Nintendo e 2 di altri publisher.

Di conseguenza, le vendite software sono aumentate del 123% fino a 50,43 milioni di unità.

Il COVID-19 ha creato delle difficoltà nel procurarsi le parti necessarie alla produzione delle console Nintendo Switch, ma la situazione si è quasi risolta. Tuttavia, se l’impatto del COVID-19 dura anche nel futuro, potrebbe impattare la manifattura, ecc. Riguardo alle console, visto che c’è un ritardo tra la produzione e l’arrivo sugli scaffali, e visto che la domanda rimane forte, ci sono ancora scarsità in certe regioni. Stiamo lavorando duramente per portare i prodotti ai consumatori il prima possibile.

Finora abbiamo parlato del sell-in, cioè il numero di vendite da Nintendo all’esterno; ma ora parleremo di sell-through, il numero di vendite dai rivenditori ai consumatori.

Il sell-through stimato globale di Animal Crossing: New Horizons alla fine di giugno superava i 20 milioni di unità. Questo è molto più dei 12 milioni che ha venduto in tutta la vita Animal Crossing: New Leaf per Nintendo 3DS, che era il precedente titolo più venduto della serie.

Il numero di consumatori che hanno iniziato a giocare a Nintendo Switch grazie a questo gioco ha continuato a salire tra aprile e giugno 2020. Di tutte le console Nintendo Switch avviate per la prima volta in questo periodo, più della metà hanno giocato ad Animal Crossing il primo giorno.

Per quanto riguarda il sell-through cumulativo di giochi Nintendo (in Giappone, USA ed Europa), vediamo risultati più alti rispetto all’anno scorso, di cui Animal Crossing è più del 40%. C’è anche un’alta percentuale di giochi venduti in digitale: varia a seconda della regione, ma è intorno al 50%.

Le vendite cumulative di Ring Fit Adventure, uscito a ottobre 2019, hanno raggiunto i 4 milioni alla fine di luglio.

La domanda per questa nuova idea di Nintendo di fare esercizio giocando un gioco di avventura è stata così maggiore rispetto alle previsioni che la scorta globale non è riuscita a soddisfare tutte le richieste. Abbiamo avuto un calo temporaneo delle vendite per colpa della carenza di prodotto, soprattutto tra marzo e maggio, ma abbiamo da allora aumentato la produzione e spedizione degli accessori Ring-Con e Leg Strap inclusi nel software, cosa che ha aiutato le vendite a riprendersi.

Gli effetti della carenza sono ancora visibili a molti consumatori, ma come con la console Nintendo Switch, lavoreremo per assicurare un’adeguata fornitura nella stagione natalizia.

Le vendite digitali per quest’anno fiscale sono salite a 101 mrd. yen [806 mio. €], salendo rispetto all’anno scorso del 229,9%. Le vendite digitali sono il 55,6% di quelle software totali sulle nostre piattaforme.

Le versioni scaricabili di giochi fisici, soprattutto per Nintendo Switch, componevano il 67,7% delle vendite digitali. 51 Worldwide Games, uscito il 5 giugno, ha venduto più del 50% delle copie in digitale.

L’isola solitaria dell’armatura, la prima parte del pass di espansione di Pokémon Spada e Scudo, il primo DLC a pagamento della serie di Pokémon, è uscito il 17 giugno, aumentando le vendite dei contenuti aggiuntivi.

Oltre alla crescita delle vendite di giochi indie e giochi senza una versione fisica, le vendite di Nintendo Switch Online sono rimaste stabili.

L’incasso derivato dalle IP su mobile è salito del 32,7% fino a 13,2 miliardi di yen [105 mio. €].

Il business mobile è cresciuto stabilmente, grazie non solo ad Animal Crossing: Pocket Camp, ma anche a Mario Kart Tour.

Anche se non è incluso nei risultati del trimestre, LEGO ha rilasciato LEGO Super Mario in collaborazione con Nintendo, il 10 luglio in Giappone e il 1° agosto all’estero.

Stiamo implementando varie altre iniziative, e ci dedichiamo non solo ai videogiochi, ma anche continuando a espandere il numero di persone che hanno accesso alle IP Nintendo.