Nintendo of Europe risponde sul caso del CEO di Nintendo of Russia, Yasha Haddaji

2 min.
15.01.2019
Notizie


Come ben ricorderete, nel corso degli ultimi mesi è finito su tutti i riflettori il caso di Yasha Haddaji, il CEO di Nintendo of Russia. Una persona dall’animo cattivo nei confronti dei propri dipendenti e con poca, pochissima pazienza. Dopo diverse settimane dall’accaduto, la divisione europea di Nintendo ha finalmente pubblicato una dichiarazione in merito all’accaduto. Di seguito trovate quanto è stato consegnato ai ragazzi di Nintendo Life da parte di un rappresentante della compagnia.

Nintendo ha dato luogo ad un’indagine approfondita su ciascuna delle accuse mosse a novembre contro il General Manager di Nintendo of Russia, il sig. Yasha Haddaji. Seppure i risultati dell’investigazione abbiano riconosciuto la perdita di tempra da parte del sig. Haddaji mostrate nel video e riconosciute in ufficio, nessuna delle accuse di molestie avanzate in seguito alla pubblicazione del video sono state confermate dalla nostra indagine.

Il sig. Haddaji è pienamente consapevole del fatto che la sua condotta riguardante la perdita di tempra sia una breccia all’interno del nostro Codice di Condotta ed esprima il suo rimorso a tutti coloro che ne sono stati colpiti. (Il sig. Haddaji, ndr) ha ricevuto un avvertimento formale (da parte di NoE, ndr) ed ha inviato una lettera di scuse a tutti i dipendenti di Nintendo of Russia.

La nostra priorità principale è quella di garantire un ambiente di lavoro sicuro e solidale per tutti i nostri dipendenti. È a causa di questi valori che ci siamo impegnati ad un’indagine completa e approfondita su ciascuna delle accuse mosse contro il sig. Haddaji. Guardando al futuro, Nintendo of Europe fornirà maggiori risorse a Nintendo of Russia per sostenere i loro sforzi per portare i prodotti e le esperienze Nintendo ai giocatori russi.

Vogliamo assicurare che la condotta dei nostri dipendenti sia in linea con i valori della nostra compagnia, e rimaniamo impegnati a mantenere questi standard in futuro.

Tutto bene quel che finisce bene? Forse non tanto, visto che le accuse più gravi non sono state ancora riconosciute. Senza alcun dubbio, però, la divisione europea non rimarrà a guardare.

Fonte: Nintendo Life

[amazon_link asins=’B01N5OPMJW’ template=’NDProductLink’ store=’nintendoomed-21′ marketplace=’IT’ link_id=’45f886f3-c566-44b3-ae2d-df1969cf6f2a’]