21 agosto 2018 • Notizia

Nintendo Dream intervista lo staff di SEGA Ages

L’ultimo numero della rivista giapponese Nintendo Dream conteneva una breve intervista con Rieko Kodama e Yousuke Okunari, produttori dell’imminente collana SEGA Ages in arrivo su Nintendo Switch a partire da questo mese. Ecco l’intervista:

Con l’annuncio dei primi titoli della nuova compilation SEGA Ages per Nintendo Switch, SEGA ha mostrato anche il nuovo logo: questo fresco design combina il classico blu del logo SEGA con un look rétro. Abbiamo parlato alla produttrice e director, Rieko Kodama, per scoprire le circostanze del nuovo design per questa nuova raccolta di giochi classici.

Rieko Kodama è nota per essere una delle prime donne di spicco
nell’industria videoludica giapponese. Ha lavorato come graphic
designer per innumerevoli titoli SEGA, tra cui la serie Phantasy
Star; è stata anche director di Phantasy Star IV. Attualmente,
Kodama è produttrice della serie 7th Dragon.

I pixel e quel blu si accoppiano alla perfezione con queste
riedizioni migliorate.

Secondo Kodama, due artisti diversi hanno lavorato a molti concetti.
Alla fine, c’erano circa 90 proposte! SEGA poi ha fatto votare a
vari membri delle varie divisioni i loro preferiti. Abbiamo
considerato non solo l’input dagli impiegati giapponesi, ma anche
americani ed europei. Finite le votazioni, il design che vedete ha
vinto. Kodama ha approfondito il motivo della scelta di questo
design: “Molti dei nostri impiegati hanno detto che i pixel li
rendevano nostalgici per quando i giochi sono originariamente usciti,
quindi era perfetto per questa collezione di riedizioni. C’erano
anche molte variazioni di colore: una arcobaleno, una metallica e
molte altre. Nonostante questo, i votanti hanno detto che il blu è
il colore che viene in mente quando pensano a SEGA. Quindi abbiamo
scelto quello.

Il nuovo logo appare anche sulle schermate del titolo dei giochi.

Quando accendi un gioco SEGA Ages, il nuovo logo appare vicino al
titolo del gioco. Pensiamo che a tutti piacerà vederlo insieme ai
suoi giochi preferiti.

Uscite SEGA mensili e discussione approfondita dei piani per la
collezione.

Abbiamo parlato con Yousuke Okunari, supervisore di SEGA Ages, per
qualche informazione sui rilasci futuri. Okunari ha lavorato alla
serie SEGA Ages per quasi dieci anni, e anche alla serie SEGA 3D
Classics Collection per Nintendo 3DS.

Come supervisore di SEGA Ages, Yousuke Okunari coordina numerosi
aspetti del processo, incluse le nuove funzioni “quality of life”.
È un grande fan dei giochi classici SEGA.

Il nome “SEGA Ages” non potrebbe essere più appropriato!

Visto che Okunari ha lavorato alla serie per molti anni, abbiamo
pensato che fosse la persona giusta a cui chiedere del nome. “È
difficile dire chi in particolare ha inventato il nome visto che è
stato così tanto tempo fa, ma l’abbiamo scelto perché la parola
“Ages” evoca perfettamente l’idea del raccontare la storia di
SEGA” ha risposto Okunari. Il nome può anche essere interpretato
come “Le generazioni SEGA” ed è pure un palindromo. Non è
incredibile?!

Aggiungere qualcosa di fresco ed eccitante senza compromettere i
giochi originali

SEGA spera che i suoi fan noteranno i piccoli dettagli che hanno
integrato in ogni titolo. Okunari ha spiegato perché hanno deciso di
aggiungere queste novità. “Abbiamo pensato che se avessimo seguito
la strada facile e portato semplicemente i giochi originali, anche se
la gente avrebbe potuto giocare i loro classici preferiti su una
console moderna, non sarebbero stati così eccitati. Quindi, pensando
ai fan accaniti, volevamo includere elementi che tutti avrebbero
approvato. Questi nuovi aspetti non sono indirizzati solo alla nuova
generazione di giocatori, sono cose che secondo noi anche i vecchi
fan vorrebbero nei giochi se uscissero oggi. Siamo sicuri che queste
nuove funzioni manterranno intatta l’integrità del gioco
originale, al contempo portando un’esperienza più godibile”. I
fan saranno contenti di sapere che nessuna di queste nuove aggiunte
disturba i giochi, e ognuno di essi funziona esattamente come quando
è uscito. SEGA ha trovato un ottimo equilibrio, come hanno fatto con
le raccolte passate. Per esempio, la serie 3D Classics ha aggiunto
una modalità più facile per permettere a chiunque di godersi i
giochi. Non vediamo l’ora di vedere quali funzioni saranno
implementate nei titoli futuri.

Goditi questi giochi in un modo che non può essere provato da
nessun’altra parte, grazie a Nintendo Switch

Volevamo sapere se SEGA avrebbe utilizzato alcune delle funzioni
uniche di Nintendo Switch. Okunari ha elaborato: “Siamo un passo
avanti, visto che molti impiegati che hanno fatto SEGA 3D Classics
Collection stanno lavorando a SEGA Ages per Switch. Switch può
essere portatile, quindi stanno già pensando a come sfruttare
l’hardware”. Per esempio, solo Nintendo Switch permette di
giocare a Gain Ground [uscito originariamente su Mega Drive nel 1988,
ndt] in verticale. Abbiamo anche chiesto a Okunari su potenziali
modalità online, e ha risposto affermativamente: “Anche se non
abbiamo supportato l’online con la 3D Classics Collection, potete
aspettarvelo con SEGA Ages!” A proposito, i due giochi della prima
ondata supporteranno entrambi il gioco online.

SEGA Ages

Solo perché i giochi sono usciti anni fa, non vuol dire che non
possiamo goderceli oggi!

Okunari ha un messaggio speciale per i giocatori giovani che non sono
interessati ai titoli vecchi, “Se paragonate i giochi a cui
giocavano i vostri genitori quando avevano la vostra età a quelli
moderni, potrebbero sembrarvi semplici, perché era l’inizio
dell’era delle console domestiche. Ma i fan di quell’epoca erano
entusiasti dei giochi tanto quanto voi, se non di più. Potrebbero
sembrarvi primitivi a prima vista, ma sono videogiochi concisi con
sistemi creati meticolosamente e funzioni aggiornate. Credo che le
esperienze che questi giochi hanno da offrire trascendono le barriere
generazionali, e sarei onorato di sapere che i giocatori moderni li
apprezzano”. La comunità di giocatori che impazzivano per questi
giochi in passato, ora ci stanno lavorando, e sappiamo che
l’eccitazione che provavano allora verrà comunicata alle nuove
generazioni.

Ci sono giochi, tra i 15 inclusi nella raccolta, che non erano mai
stati ripubblicati prima!

Abbiamo anche chiesto dei piani per il futuro. Abbiamo chiesto a
Kodama quale sarà il programma delle uscite dopo agosto. “Abbiamo
in programma di rilasciare uno o due titoli al mese. Inizialmente
avevamo annunciato cinque titoli SEGA Ages per Nintendo Switch, ma ne
abbiamo più di 15 in lavorazione” ha risposto Kodama. La serie sta
prendendo forma! C’era ancora un’altra cosa che ci chiedevamo,
però: ci saranno in questa collezione dei giochi classici che non
vedevamo dalla loro uscita originale? “Potete contarci. Abbiamo in
programma Thunder Force IV di Technosoft, e altri. Dovete solo
aspettare gli annunci!” Una volta che saranno annunciati, potrete
leggerli tutti qui!

Fonte: Nintendo Everything


Studente twentysomething dell’Università di Padova, dopo un’infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch… e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l’aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo).
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Michele "Comemichiamo" Mosena

Studente twentysomething dell'Università di Padova, dopo un'infanzia a suon di PS1 e 2 si è redento passando a Wii, Wii U e Switch... e poi ri-redento prendendo anche una PS4, giusto per darsi l'aria da cosmopolita al di sopra delle console war. Passa il tempo fingendo di essere un membro produttivo della società ma in realtà gioca a videogiochi e occasionalmente scrive sugli stessi (bambini, non imitatelo). Lo trovate su Facebook e Twitter.