11 Agosto 2016 • Notizia

Nintendo brevetta controller con lettura ad infrarossi da collegare a dispositivi portatili

Sono stati da poco pubblicati tre nuovi brevetti registrati da Nintendo, i quali sembrerebbero fare un po’ di luce sul misterioso progetto NX. I primi due spiegano nel dettaglio il funzionamento di un sistema di tracciamento del movimento della mano e delle dita, tramite una camera ad infrarossi ed un sensore di distanza presenti all’interno di un dispositivo portatile. Ciò espanderebbe un precedente brevetto pubblicato dalla compagnia di cui vi avevamo parlato in una vecchia notizia.
Ancora più interessante è invece il terzo brevetto, il quale mostra un controller che sarebbe in grado di far leggere tramite infrarossi il segnale dei tasti premuti ad un dispositivo portatile. All’interno dell’oggetto non sarebbe presente alcun componente elettrico, relegando la sua funzione al solo inviare il segnale generato dalla pressione dei tasti. Ciò sembrerebbe confermare quanto riportato da Eurogamer qualche settimana fa per Project NX, che ricordiamo dovrebbe essere un dispositivo portatile con controller rimovibili.

brevettocontrolli1 brevettocontrolli2 brevettocontrolli3 brevettocontrolli4 brevettocontrolli5 brevettocontrolli6

Fonte: GoNintendo

Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l’addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l’internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest’ultimo non lo usa mai).

Autore: Filippo "Flippoh" Corso

Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l'addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l'internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest'ultimo non lo usa mai).