Monolith Soft: chiarezza sulla questione Zelda, aperto un sito web per assumere personale

1 min.
26.06.2016
Notizie


Monolith Soft, il team interno di Nintendo che ha dato alla luce capolavori come la serie Xenoblade Chronicles o Baiten Kaitos si trova ancora una volta al centro dell’attenzione.
In primo luogo, necessitiamo fare chiarezza su quanto detto in questo articolo. Game Informer aveva rilasciato un’intervista a Miyamoto che citava il team di sviluppo in qualità di collaboratori per il nuovo Zelda. In particolare, a detta del sito, ben cento sviluppatori di Monolith sarebbero stati a lavoro sul gioco.
Nintendo, presa visione dell’informazione parzialmente errata, ha subito preso l’iniziativa per fare chiarezza.
Di seguito trovate a confronto le due versioni dell’intervista.

“Sì, sono coinvolti in questo Zelda. Ci stanno lavorando insieme delle persone sia da Tokyo che da Kyoto. C’è un team di oltre 100 persone [di Nintendo] che stanno aiutando in questo progetto, e il loro lavoro è stato molto utile” (aggiornato dal comunicato Nintendo)

“Sì, sono coinvolti in questo Zelda. Ci stanno lavorando insieme delle persone sia da Tokyo che da Kyoto. C’è un team di oltre 100 persone [di Monolith] che stanno aiutando in questo progetto, e il loro lavoro è stato molto utile.” (versione originale di Game Informer)

Ma non è tutto qui per quanto riguarda le ultime azioni del team di Kyoto. Infatti, pur essendo impegnata con lo sviluppo di Zelda: Breath of The Wild, Monolith Soft ha aperto un sito teaser e un account Twitter (probabilmente atti a reclutare nuovo personale).
Tutto ciò che sappiamo per certo del sito è la frase presente nella sua home page, “Diventa un creatore di sogni fantastici a Kyoto” e la sua data di apertura, ossia durante Luglio 2016.

Fonte  della questione Zelda.
Fonte del sito teaser.