1 novembre 2018 • Notizia

Annunciata la modalità Spiriti in Super Smash Bros. Ultimate

“E non quelli che fanno paura!”

Nell’ultimissimo direct dedicato a Super Smash Bros. Ultimate, Masahiro Sakurai ha finalmente annunciato ufficialmente la modalità su cui tutti hanno speculato: la modalità Spiriti.

Ma che cosa sono di preciso questi spiriti? Sakurai si è andato a riallacciare persino alla lore di Super Smash Bros., parlando di come i personaggi del gioco altro non siano se non giocattoli nel mondo reale, il cui obiettivo è ritornarvici. Solo i 74 (ma in futuro saranno 80 con la Pianta Piranha e il Fighters Pass) combattenti disponibili ne sono però in grado, poiché dotati di una forma fisica: gli spiriti, dunque, sono tutti quei personaggi videoludici non giocabili in Ultimate e quindi privi di un vero corpo, che hanno perso in seguito ad un evento molto particolare.

Pur non potendo ritornare nel mondo reale, però, gli spiriti non sono affatto inutili: possono infatti unire le forze con i personaggi giocabili, donandogli tutto il loro potere, il quale varia d’intensità di spirito in spirito. Ad ogni personaggio può infatti essere assegnato uno spirito principale, che ne aumenta le statistiche, e, in base allo spirito principale, un certo numero di spiriti di supporto, che danno proprietà più particolari, come un miglioramento delle prese o la resistenza al veleno.

Per ottenere gli spiriti bisognerà, tramite una bacheca, affrontare in battaglia un personaggio posseduto da essi, simile a loro nell’aspetto, carattere o capacità: un esempio è lo spirito di Lakitu, che in battaglia possiederá Iggy con al seguito una schiera di piccoli Bowser rossi, o quello del Bombospino, che possiederà una schiera di King DeDeDe invisibili che lanceranno, appunto, Bombospini, dando l’impressione di star combattendo proprio quei personaggi. Dopo la battaglia, infine, sarà possibile per una sola volta colpire l’avversario (stando attenti alla barriera rotante che lo protegge, il cui pezzo colpito, nel caso, sparirà nella prossima battaglia con il personaggio) per dargli il colpo di grazia e carpirne lo spirito.

Gli spiriti, inoltre, hanno dei “tipi” simili a quelli dei Pokémon, con cui condividono anche lo schema “sasso-carta-forbici”: quelli di tipo attacco sono più forti su quelli di tipo presa, che sono più forti su quelli di tipo difesa, i quali sono più forti su i tipi attacco.

Infine, sarà possibile non solo allenare e potenziare gli spiriti, portandoli in alcuni casi a forme superiori (lo spirito di Groudon può “evolvere” in quello di Archeo Groudon, per esempio) o mandarli a cercare tesori, ma anche rispedirli nel mondo reale, ottenendone i nuclei, i quali sono necessari per evocare nuovi e più potenti spiriti. C’è da notare, inoltre, che l’allenamento degli spiriti, o il loro ricercare tesori, funziona anche in background, che certi spiriti denominati “maestri” sbloccano nuove funzionalità di allenamento e ricerca, e che, sacrificando uno spirito, è possibile utilizzarlo per potenziare persino un lottatore Amiibo!

Un bel po’ di novità, nevvero? Questa sorta di modalità ibrida tra i trofei e la personalizzazione, entrambi non presenti nel gioco, è inoltre spiegata nel seguente estratto del comunicato stampa di Nintendo sul Direct:

• Spiriti: nel mondo di Super Smash Bros. Ultimate, tanti personaggi dei videogiochi abbandonano la loro forma per diventare “spiriti” in grado di potenziare il personaggio del giocatore. Ci sono tantissimi spiriti diversi, da Chibi-Robo a Dr. Wily passando per Tails e Revolver Ocelot! I giocatori possono scegliere spiriti combattenti e aiutanti per potenziare le loro abilità o aggiungerne di nuove. Scegliere gli spiriti giusti aiuterà i giocatori ad avere la meglio contro certi avversari, conferendo ulteriore spessore strategico agli incontri. Gli spiriti si assegnano nello stesso modo in cui si equipaggiano gli accessori in un gioco di ruolo. Grazie ad essi, i giocatori possono divertirsi con un mondo di eroi dei videogiochi anche senza selezionarli come lottatori.
• Sfide per gli spiriti: il modo principale per acquisire gli spiriti è vincere le relative sfide. Dopo aver vinto una sfida per gli spiriti, i giocatori dovranno completare un evento per acquisirli.
• Fare salire di livello gli spiriti: lottando con gli spiriti al loro fianco, i giocatori possono farli salire di livello, rendendoli più potenti e, a volte, sbloccandone una forma evoluta. Più avanzano di livello, più utili e potenti diventano gli spiriti.
• Combinazioni di spiriti: grazie all’enorme numero di spiriti presenti in Super Smash Bros. Ultimate, è possibile formare migliaia di combinazioni. I giocatori rimarranno costantemente sorpresi dal numero di spiriti che faranno capolino nel gioco. Il gioco offrirà consigli su quali assegnare come combattenti e aiutanti, semplificando il processo di selezione.

Di seguito, anche lo spezzone di Direct che spiega la modalità:


Studente liceale amante delle arti canoniche tanto quanto del medium videoludico, ha deciso di unire assieme le due cose e dare la sua personalissima lettura al mondo dei videogiochi: non che ci si aspettasse diversamente da qualcuno che fa discorsi filosofici sulla trama di Drawn to Life 2. Quando non scrive, disegna, e quando non disegna è probabile che stia giocando a qualche RPG di bassa qualità per poi scriverci e/o disegnarci a riguardo, ovviamente.

Lo trovate su Facebook e YouTube.

Autore: Luigi "Enpitsu" Riccio

Studente liceale amante delle arti canoniche tanto quanto del medium videoludico, ha deciso di unire assieme le due cose e dare la sua personalissima lettura al mondo dei videogiochi: non che ci si aspettasse diversamente da qualcuno che fa discorsi filosofici sulla trama di Drawn to Life 2. Quando non scrive, disegna, e quando non disegna è probabile che stia giocando a qualche RPG di bassa qualità per poi scriverci e/o disegnarci a riguardo, ovviamente. Lo trovate su Facebook e YouTube.