Michael Jackson diventò il testimonial del Megadrive per ripicca verso Nintendo?

1 min.
02.01.2016
Notizie


Stefano Arnold, il presidente di Tectoy (azienda che in passato si occupò di portare sul mercato brasiliano tutte le console di Sega) in un’intervista ha apparentemente svelato qualche inedito retroscena sul rapporto che c’era tra la leggenda del pop, Michael Jackson, e la casa produttrice della macchina da gioco a 16-bit che risponde al nome di Megadrive.

Arnold spiega che Michael Jackson decise di unire le forze con Sega per la realizzazione del videogioco Moonwalker semplicemente perché la pop-star aveva precedentemente proposto un progetto simile a Nintendo, dalla quale, però, era stato ignorato.
Moonwalker diventò, dunque, la primissima killer application del Megadrive. Lo stesso Stefano Arnold racconta che Sega vendette la console a 500’000 donne di Tokyo proprio grazie a quel gioco.

Fonte.