Masahiro Sakurai risponde alle domande dei lettori su Famitsu

2 min.
28.01.2021
Notizie


Ogni tanto, Masahiro Sakurai fa una puntata speciale della sua rubrica su Famitsu in cui, invece di parlare delle ultime novità, risponde alle domande dei lettori. Ecco cosa ha detto nell’ultima edizione, nello specifico sulla retrocompatibilità di PlayStation 5, l’effetto del covid-19 sull’industria videoludica e il successo di Animal Crossing: New Horizons. Per la traduzione ringraziamo Source Gaming e in particolare l’utente Kody Nokolo, che ha raccolto il testimone di PushDustIn con grazia anzichenò.

La prima domanda riguarda la compatibilità dei giochi PS4 con la console PS5. Il lettore pensava che la PS5 potesse leggere tutti i giochi PS4, per poi scoprire che invece ne legge solo alcuni.

Sakurai risponde che probabilmente usciranno aggiornamenti per i giochi PS4 che li renderanno compatibili con PS5. Inoltre, è difficile assicurarsi che ogni gioco PS4 funzioni correttamente sulla PS5, e avere un così vasto assortimento di giochi non è cosa da poco. Sakurai nota che, per fortuna, lui possiede tutti i modelli di PS4 (tranne la Slim), quindi può facilmente passare a uno di quelli se ne ha bisogno. Nota che la PS4 ha più di 2000 titoli nella libreria, che è incredibile dopo aver iniziato da zero, ed è felice che la libreria sia utilizzata. Ancora non ha messo via la sua PS4, per lui è bello avere a portata di mano tutta la libreria HD.

La seconda domanda chiede a Sakurai come l’industria videoludica è influenzata dalle ultime restrizioni per il covid-19.

Risponde che non potrà rispondere in modo esaustivo per mancanza di spazio, ma ecco alcuni effetti: le console portatili sono tornate in auge, i giochi mobile sono in declino, i giochi scaricabili vengono rimandati, e ci sono stati licenziamenti su larga scala. Si prevede che il mercato cambierà, ma non vuole pensarci troppo: lui continuerà a fare quello che vuole.

L’ultima domanda chiede quali sono le opinioni di Sakurai su Animal Crossing, vista la sua popolarità.

Risponde che non è mai stato fatto per essere popolare, dipende tutto dai gusti delle persone. Sakurai dice che AC non ha un vero obiettivo: non ha la libertà di un gioco open world, non ha una trama godibile, non ha grandi elementi multiplayer competitivi o cooperativi, né un finale veloce. È per le persone che vogliono un’esperienza lunga. Pensa che sia importante avere esperienze diverse, ma lui compra solo giochi che gli piacerebbe giocare.

Sakurai conclude augurandosi che tutti stiano al sicuro e seguano le norme di prevenzione sul lavoro.

Insomma, sembra che Sakurai non sia il più grande fan di Animal Crossing, e ci sta perfettamente. Pessimi gusti, ma ci sta.