Kensuke Tanabe torna a parlare dei vincoli ai personaggi di Paper Mario

1 min.
30.07.2020
Notizie


Qualche giorno fa aveva fatto scalpore la dichiarazione di Kensuke Tanabe, pezzo grosso di Nintendo e produttore di Paper Mario: The Origami King, che parlava dei vincoli imposti dall’alto agli autori degli spin-off di Super Mario, ai quali era stato vietato di modificare personaggi esistenti o di creare nuove razze all’interno del Regno dei Funghi. Certo, in Origami King ci sono Olivia e Olly, ma è specificato che provengono da un altro mondo.

Recentemente, Tanabe è andato un po’ più nello specifico riguardo a queste restrizioni, in particolare sui Toad. Secondo l’intervista di GamesRadar,

Non possiamo più raffigurare caratteristiche individuali, come età e genere, negli NPC Toad. […]

[Di conseguenza] lo sceneggiatore, Taro Kudo, sta affrontando questa difficile sfida fin da Paper Mario: Sticker Star, ma è riuscito a dare ai dialoghi un senso dell’umorismo. In questo capitolo, siamo riusciti a includere dei Toad con dei vestiti che rispecchiano il loro ruolo e anche a includere dei personaggi origami originali.

Certo, dare una personalità a dei Toad generici solo tramite il dialogo è una bella sfida, ma fa pensare che non siano nemmeno in grado di inserire dei Toad femmina. In compenso, con Super Mario Odyssey, la serie principale si è riempita di personaggi originali e nuove specie… viviamo davvero nel mondo alla rovescia.

Fonte: Video Games Chronicle