1 settembre 2018 • Notizia

Kenichiro Yoshida: PlayStation 4 è la piattaforma migliore per giocare insieme a Fortnite

Ha fatto abbastanza scalpore negli ultimi mesi il caso mediatico generato da Fortnite, l’ultima produzione di Epic Games che ha letteralmente spopolato sulla maggior parte delle piattaforme attualmente presenti sul mercato. Come ben ricorderete, infatti, in seguito all’annuncio della versione per Nintendo Switch, Nintendo ha confermato il supporto per il cross-play con i giocatori PC e Xbox One, lasciando però in disparte (ancora una volta) i possessori di una console Sony. E come se non fosse abbastanza, chi aveva iniziato a giocare a Fortnite su PlayStation 4 era impossibilitato dall’utilizzare il proprio account Epic sulla versione Nintendo.

A bloccare tutto, inutile dire, è stata Sony, la quale negli ultimi anni si è considerata contraria ad abilitare il cross-play sulle sue piattaforme, ad eccezione del PC. Azione che ha reso di fatto impossibile fare giocare insieme i giocatori delle tre piattaforme. I motivi al riguardo non sono stati mai abbastanza chiari, e anzi, spesso e volentieri ciò che è stato riferito dai dirigenti e addetti delle pubbliche relazioni è stato a dir poco imbarazzante. E pensare che di norma spetta a Nintendo questo primato!

Infatti, nel corso dell’IFA 2018 di Berlino (fiera dedicata alle ultime novità tecnologiche come smartphone, tablet e TV) il neo presidente della compagnia, Kenichiro Yoshida, è stato intervistato dal quotidiano britannico online The Independent e tra i tanti argomenti non è mancata una domanda sul cross-play.

Per quanto riguarda il gioco cross-platform, il nostro punto di vista resta che PlayStation è il luogo migliore per giocare. Riteniamo che Fortnite, insieme a PlayStation 4, sia l’esperienza migliore per i nostri utenti.

Niente da fare per chi sperava in un cambio di rotta, praticamente. I giocatori PlayStation rimarranno sulla loro piattaforma, mentre tutti gli altri potranno giocare insieme. È un peccato vedere da parte di Sony un comportamento del genere, ma finché altri publisher più grossi non cominceranno a dire la loro (e agire al riguardo) non si riuscirà mai a sbloccare la situazione.


Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l’addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l’internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest’ultimo non lo usa mai).

Autore: Filippo "Flippoh" Corso

Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l'addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l'internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest'ultimo non lo usa mai).