Kanye West tentò di convincere Nintendo a collaborare a un videogioco

1 min.
27.12.2020
Doomerissima


Pensate che le stranezze raccontate dal pensionato Reggie Fils-Aimé sul passato recente di Nintendo si limitino al logo a graffiti? E invece il nostro eroe è tornato a deliziarci con un’altra storia: quando il rapper Kanye West propose a Nintendo di lavorare con loro a un videogioco.

Durante l’E3 di un anno non specificato, West visitò l’area di Nintendo, e dopo aver scambiato quattro chiacchiere con Shigeru Miyamoto (e chi non lo farebbe), organizzò una riunione con Reggie, all’epoca presidente di Nintendo of America. I due si incontrarono nell’ufficio di Kanye dedicato alla moda, a Calibasas in California (non solo, era presente anche Kim Kardashian).

Parte della [riunione] consistette nel parlare di quello che [Kanye] stava facendo. Stava sperimentando con un qualche tipo di videogioco, e voleva del feedback. A un certo punto dice: “Voglio lavorare con Nintendo.”

Avevamo così tanti progetti in ballo all’epoca, e non c’era proprio modo di fare qualcosa con Kanye, quindi dovetti trovare un modo educato per rifiutare la sua offerta: “Kanye, non vuoi lavorare con noi perché siamo tosti, vogliamo sempre il meglio. Non saremmo il tipo di partner adatto a te.” Lui mi guarda e dice: “Reggie, sei esattamente il tipo di partner con cui vorrei lavorare, proprio per questo!” Oh cielo.

Come sarebbe stato il gioco di Kanye West? Non lo sapremo mai. Reggie ha condiviso questa storia nel podcast Talking Games with Reggie & Harold, disponibile facendo una donazione alla campagna GoFundMe per supportare il New York Videogame Critics Circle.

Fonte: Nintendo Everything