Keisuke Kikuchi ci parla della possibilità di un ritorno di Project Zero

2 min.
06.04.2020
Notizie


Qualche mese fa, Nintendo Everything ha pubblicato un’intervista a Keisuki Kikuchi, il produttore di Project Zero (in America noto come Fatal Frame), il quale si è dichiarato interessato a riportare la serie su Nintendo Switch.

Vedendo la reazione dei loro lettori, però, hanno deciso di fare un secondo tentativo, menzionando anche la possibilità di una remaster dei giochi, visto che molti si erano detti interessati.

NE: Quando abbiamo parlato al Tokyo Game Show, ha espresso interesse in un Project Zero su Nintendo Switch in futuro. Abbiamo ricevuto molte risposte positive dai fan, che mostrano il loro forte supporto. Sono felice di informarla che molti fan di Nintendo non vedono l’ora di un nuovo capitolo.

Kikuchi: Il vostro articolo è stato tradotto anche in giapponese, è comparso su molti siti giapponesi col titolo “Project Zero potrebbe tornare” ed è stata una notizia gigantesca per un po’.

NE: Spero che la cosa non l’abbia messa nei guai.

Kikuchi: Assolutamente no, è solo che, nonostante io voglia farlo, è una serie che Nintendo pubblica per noi e io gestisco solo lo sviluppo. Quindi anche se io dicessi di voler fare un altro gioco, non significa che ciò accada.

NE: Molti fan occidentali vorrebbero sapere se esiste la possibilità di vedere remaster di vecchi giochi, come Project Zero 2 e 4, magari su Switch, perché il 4 non è mai uscito dal Giappone, mentre il remake del 2 è disponibile solo  in Giappone ed Europa. C’è qulache speranza?

Kikuchi: Devo ammettere che i miei desideri personali e la fattibilità di questi progetti non coincidono. Ovviamente il film di Hollywood è in produzione e uscirà in occidente, quindi io vorrei portare non solo il film, ma anche dei giochi che lo accompagnino.

Per quanto riguarda Project Zero 2 e 4, Nintendo ha i diritti di pubblicazione, quindi noi non possiamo farci niente. Un altro fattore sarebbe che attualmente io sto gestendo il brand Gust, rafforzando la linea di produzione e organizzando i membri del team. Nel breve termine, sarà molto difficile per me lavorarci, ma è un progetto a cui non ho rinunciato a fare in futuro. Per farla breve, al momento non è una cosa molto realistica.

Fonte: Nintendo Everything