Un riassunto dell’intervista di Famitsu a Tetsuya Takahashi di Monolith Soft

2 min.
21.05.2020
Notizie


Nell’ultimo numero di Famitsu uscito questa settimana è stata inclusa una corposa intervista a Tetsuya Takahashi, il co-fondatore di Monolith Soft. È stata per lui un’ottima occasione per parlare delle ultime novità riguardanti la compagnia, ma anche di Xenoblade Chronicles Defintive Edition, il rifacimento del classico per Nintendo Wii.

Non c’è bisogno di dirlo, ma considerando che avevamo alcune restrizioni come i costi di produzione e le tempistiche non siamo riusciti a rifare tutto. Abbiamo quindi iniziato col decidere cosa rifare e cosa no. In particolare, abbiamo migliorato le texture e aggiunto shader ai nemici e alle mappe. A quel punto abbiamo rifatto elementi come i volti e le mani dei protagonisti e dei personaggi importanti, il nuovo equipaggiamento, la Monade, le animazioni facciali durante le cutscene, gli eventi programmati e così via. Anche se abbiamo organizzato le cose in questo modo, dopo poco ogni membro del team ha iniziato a mostrare la propria passione e le proprie abilità, quindi abbiamo finito per metter mano alle parti che non volevamo cambiare all’inizio, come gli NPC e i nemici. Ci sono cose che non abbiamo potuto rifare completamente, ovviamente,ma speriamo che i giocatori saranno contenti di notare le differenze.

Come abbiamo poi potuto vedere sui social Nintendo, la colonna sonora è stata almeno in parte riarrangiata per migliorare la qualità audio, ma purtroppo non sono riusciti ad affidarsi a un’orchestra, come nel caso di Xenoblade Chronicles 2. Inoltre, il sistema di compressione dei dati e la resa audio sono stati migliorati, così da evitare gli sfortunati effetti avuti nel secondo capitolo.

La novità principale di questa Definitive Edition, però, è il nuovo epilogo: Un Futuro Comune. Il direttore ha rivelato che questo episodio aggiuntivo durerà 10-12 ore circa per la storia principale e 20 per tutte le missioni secondarie. Avrebbero potuto aumentare il contenuto del gioco rendendolo un’espansione a parte a pagamento, ma avrebbero dovuto togliere risorse ad altri progetti.

Come già accennato, si è parlato poi dell’organizzazione interna di Monolith Soft e del fatto che stiano lavorando a nuovi progetti ancora da annunciare.

La pianificazione [di XCDE, ndr] è iniziata verso la fine del 2017, se mi ricordo bene poco dopo il rilascio di Xenoblade Chronicles 2. Lì è quando abbiamo iniziato lo sviluppo di Xenoblade Chronicles 2: Torna – The Golden Country, quindi abbiamo lavorato ad entrambi in parallelo. Abbiamo fatto una proposta per Xenoblade Chronicles: Definitive Edition assieme al nuovo gioco a cui il nostro primo team sta lavorando e poi li abbiamo presentati verso maggio 2018. Abbiamo iniziato lo sviluppo effettivo ad agosto, quando Torna è arrivato alla fase di post-produzione. Questo significa che, per un breve periodo di tempo, abbiamo lavorato a tre progetti allo stesso tempo, quindi abbiamo dovuto dividere il nostro primo team tra questi.

Ma quale sarà questo terzo progetto, il gioco completamente nuovo? Magari è il nuovo progetto di cui parlano in questa pagina di reclutamento, ma di cui non hanno mai rivelato nulla finora. O magari un altro Xenoblade Chronicles.

Fonte: NintendoEverything (1, 2), ResetEra