Interplay non commenta circa le affermazioni razziste e omofobe di Doug TenNapel

2 min.
11.07.2020
Notizie


Il co-creatore della saga di Earthworm Jim ha recentemente rilasciato alcune affermazioni a dir poco raccapriccianti negli ultimi episodi del podcast Audio Mullet. Interplay, almeno per ora, non ha voluto rilasciare alcun commento riguardo questi commenti di natura razzista e omofoba.

Tra questi, Doug TenNapel ha più volte ingaggiato diverse discussioni sul movimento Black Lives Matter negli episodi 54, 55, e 56. In queste occasioni, egli ha paragonato il movimento a Hitler affermando che “Hitler aveva buone intenzioni, perciò non voglio sentire nulla sulle tue motivazioni. Stava solamente ‘sterminando ratti'”. Purtroppo da lì la discussione non è di certo migliorata, anche con il co-host che ha cercato di sistemare la faccenda al meglio delle sue capacità.

Per quanto riguarda i suoi commenti circa la cultura afro-americana e Black Lives Matter… beh, potete leggere qua sotto alcuni frammenti:

La cultura e le comunità nere non stanno bene in questo momento. Anche loro sono vittime della loro stessa ignoranza – e magari della loro testarda ignoranza o per la mancanza di una figura paterna o chissà – quindi non è un problema dei bianchi.

[…]

Tutte queste persone che protestano e le persone contrarie e le persone pro-Black Lives Matter e le persone che votano per Trump – nessuno ha cambiato i propri valori nell’ultimo anno. Era già deciso. Quindi perché stiamo protestando ora? Gli è stata data copertura culturale per sfogare le loro fantasie vendicative. Le proteste erano già nei loro cuori, ed è stata data loro la scusa culturale. Stavano praticamente pregando che un uomo nero potesse essere soffocato da un ginocchio per ammazzarlo. Antifa l’ha fatto, Antifa ama strumentalizzare. Erano eccitati dall’accaduto. “Grazie al cielo, ora posso prendere il mio martello e rompere i finestrini delle auto in questo quartiere”.

Non è la prima volta che TenNapel ha avuto affermazioni controverse, con diversi casi di omofobia in passato. Ah, e dulcis in fundo: il COVID-19 è una bufala. Insomma, le ha davvero (quasi) tutte.

Come già detto, Interplay non ha rilasciato alcun commento sulla faccenda ma, considerando le recenti controversie da varie community, una dichiarazione ufficiale non sarebbe di certo una sorpresa. Nel frattempo rimanete con noi per maggiori informazioni in futuro.

Fonte: GamesIndustry.biz