4 Gennaio 2019 • Notizia

In Giappone ora è illegale vendere chiavi di giochi non autorizzate ed editor di salvataggi

Il Giappone ha recentemente revisionato la sua proposta di legge riguardo la “Prevenzione della Competizione Disonesta”, con numerose modifiche che influenzeranno la scena del modding e altri circoli videoludici.

Le informazioni ufficiali sono al momento solo in giapponese ma molte traduzioni indicano tre attività completamente illegali.

  • Distribuzione di strumenti e programmi che modificano i dati di salvataggio.
  • Vendita di numeri seriali o chiavi di prodotti non autorizzati dal produttore del software in aste online.
  • Offrire servizio di modifica del salvataggi per conto di clienti.

La legge è nata principalmente per scoraggiare la vendita di chiavi non autorizzate, una pratica comune online, e anche grazie al fatto che i dati elettronici sono considerati una cosa da regolamentare con la legge. Di conseguenza la produzione di prodotti come Cyber Save Editor è stata interrotta, per non incorrere nelle gravi conseguenze legali. La pena per la vendita di chiavi illegali per esempio è punibile con una multa fino a 5 milioni di Yen o fino a 5 anni di galera (o entrambe).

Mi spiace un po’ per i giocatori di VGC Pokémon in Giappone che adesso saranno costretti a praticare il breeding a meno che non vogliano incorrere in grosse penali qualora scoperti.

Fonte: GameIndustry


Giocatore “competitivo” di Pokémon, passa la vita a fingere di studiare mentre gioca a Fire Emblem e si lamenta dei nuovi giochi della serie. Ha inoltre un grande problema, il cui nome è Xenoblade Chronicles.

Autore: Andrea "Andre4102" Diecidue

Giocatore "competitivo" di Pokémon, passa la vita a fingere di studiare mentre gioca a Fire Emblem e si lamenta dei nuovi giochi della serie. Ha inoltre un grande problema, il cui nome è Xenoblade Chronicles.