Game Freak ha cambiato nome in Cina

1 min.
20.09.2020
Notizie


Game Freak, lo studio dietro Pokémon, il franchise più redditizio del mondo intero, vuole espandersi. Questo non è un segreto. Non lo è neanche il fatto che da qualche tempo vogliano esportare i mostri tascabili in Cina, il paese più popoloso del mondo che da tempo fa gola alle aziende di tutto il globo.

Questo ultimo fatto lo dimostra l’annuncio del MOBA Pokémon Unite, realizzato in collaborazione con Tencent, e anche il fatto che da anni i giochi Pokémon siano tradotti in cinese piuttosto che in altre lingue come il russo.

Ma di recente The Pokémon Company ha fatto un altro passo per piacere ai cinesi (o meglio, agli organi di controllo e censura dei media), cambiando il nome cinese dello studio che crea i giochi.

Fino a ieri, il nome cinese di Game Freak era 遊戲富利克 (Yóuxì fùlìkè), dove yóuxì vuol dire “gioco” e fùlìkè è la traslitterazione dell’inglese freak. Ma al governo cinese, come abbiamo visto per i Blocchi POW di Mario, le traslitterazioni dall’inglese non piacciono. Il nuovo nome dello studio sarà quindi 遊戲狂想家 (Yóuxì kuángxiǎng jiā) che è una traduzione letterale e significa qualcosa come “fanatico dei giochi”.

Può sembrare una curiosità inutile, ma è anche segno di quanto The Pokémon Company sia ansiosa di piacere al pubblico della Cina. I loro piani funzioneranno? Solo il tempo potrà dircelo.