Electronic Arts spiega il motivo per il quale non sta supportando il Wii U

1 min.
20.11.2015
Notizie


Di giochi EA su Wii U ne sono arrivati davvero pochi: un FIFA castrato là, una conversione di Mass Effect 3 qua (mentre le altre console si beccavano Mass Effect Trilogy) e poca altra roba.
Nel corso degli anni si è speculato molto circa questa decisione di EA di non supportare la console da salotto di Nintendo, ma ora è la stessa software house che ci fornisce una spiegazione attraverso la figura del suo “chief financial officer”, Blake Jorgensen.

“Non facciamo più giochi per Wii o per Wii U perché il mercato non è abbastanza grande. Non facciamo più giochi nemmeno per PlayStation Vita – il prodotto della Sony – perché il suo mercato è troppo piccolo. Tutto dipende dalle dimensioni del mercato.”

Fonte.

Insomma, per EA è stata tutta una questione di affari: l’azienda ha constatato che tra i (pochi) possessori di Wii U c’era scarso interesse per le sue produzioni e, conseguentemente, ha smesso di pubblicare giochi per la suddetta console.
C’è da sperare che con Project NX le cose vadano diversamente. EA, a proposito, ha già rilasciato una dichiarazione a riguardo qualche settimana fa.