La rivista Edge rivela nuovi dettagli su Hollow Knight: Silksong

2 min.
01.01.2021
Notizie


Come previsto, nel nuovo numero di Edge è presente un articolo esclusivo dedicato a Silksong, il seguito di Hollow Knight, con tante nuove informazioni sul gioco.

Hornet, la protagonista, è molto più agile e veloce del cavaliere ed è in grado di scalare pareti e usare il mantello in vario modo. I nemici sono più complessi e hanno un design differente, per rispecchiare il diverso stile di combattimento di Hornet. Ad esempio un nemico si traveste da teschio per mimetizzarsi, un altro è simile al “Moss Charger”, ma ha più gambe ed è più veloce. “Last Judge” infine è un nemico in grado di lanciare anelli di fiamme.

Silksong inizia introducendo il giocatore sia alle vecchie sia a nuove meccaniche di gioco. Le aree iniziali saranno più variegate, si parte nel Moss Grotto e ci si muove verso un’area fatta di alberi carbonizzati, rimossa dal primo gioco. Questa è la base per la città che fa da hub principale, Bonebottom, e il tunnel Marrow.

Molti nemici iniziali e elementi ambientali ora infliggono due danni alla barra della vita, che Hornet può guarire usando il “Bind”, un abilità che permette di usare la seta raccolta dai nemici. Inoltre, la vita iniziale sarà composta da tre maschere anziché una. Ari Gibson di Team Cherry ha commentato così “Passerete molto tempo o a piena vita o quasi morti, il gameplay passa costantemente tra queste due situazioni”.

In giro si troveranno delle collane di perle, che possono essere rotte in ogni momenti per essere usate come moneta. Quando si muore, queste non vengono perse, funzionano come una banca. Alcuni venditori possono creare queste collane in cambio di qualche perla (oltre a quelle necessarie per la collana), così da non perderle. Ci sono poi circa un centinaio di panchine che escono dal terreno quando ci si avvicina e fanno da punto di salvataggio.

Il livello di difficoltà dovrebbe essere simile al primo Hollow Knight, ma si tratta di un titolo completamente nuovo, quindi anche chi non ha giocato l’originale può iniziare da questo. La magia non è importante in Pharloom come nel gioco precedente, ma accadono comunque cose strane, come pellegrini coinvolti in culti.

Hornet ha vari oggetti che possono essere costruiti o recuperati alle panchine usando “Shell Shards” raccolte dai nemici. Questi sono la “Pimpillo Bomb”, un esplosione ad area, “Sting Shards”, una lancia da usare a mezz’aria o quando colpiti, “Straight Pins”, dei coltellini da lancio che possono essere potenziati per lanciarne tre alla volta. Si può imparare a costruire e potenziare questi oggetti dagli abitanti di Pharloom.

Hornet ha una personalità molto forte e un ruolo molto chiaro nel gioco, visto che può anche parlare. Purtroppo ha perso molta della sua forza mentre era rimasta chiusa in gabbia e ora sta cercando di recuperarla, con l’aiuto dei “Weavers”. “Silk Spear” è un potentissimo attacco in avanti che permette di passare attraverso le ragnatele e usa parte della seta di Hornet.

Il mondo di gioco è molto ricco di luoghi strani, l’obiettivo iniziale è raggiungere la “Citadel”, che si trova sulla cima della mappa. Gli NPC possono anche dare a Hornet missioni secondarie, che possono essere controllate sui tabelloni sparsi per il mondo, e sono simili a quelle del primo gioco. Le missioni sono piuttosto varie, richiedono di combattere, scoprire luoghi nascosti e così via. Una di queste, “Gather”, prevede che il giocatore raccolga “Mossberries”.

Infine, abbiamo la conferma che Christopher Larkin, il compositore del primo Hollow Knight, lavorerà di nuovo alla colonna sonora. Purtroppo, però, non hanno ancora deciso una data di uscita al momento.

Fonte: NintendoEverything