E3 2021: ESA vorrebbe trasformarlo in un evento digitale

1 min.
09.02.2021
Notizie


Era marzo del 2020, 11 mesi fa, quando la ESA (Entertainment Software Association) annunciò la cancellazione dell’Electronic Entertainment Expo 2020 a causa della pandemia di coronavirus. All’epoca, l’associazione rassicurò tutti dicendo che l’E3 2021 ci sarebbe stato. Ora che manca relativamente poco, un portavoce dell’ESA ha parlato a Video Games Chronicle spiegando loro quali sono i piani per quest’anno.

La proposta di ESA consisterebbe in tre giorni di presentazioni digitali (nelle date precedentemente annunciate: 15, 16 e 17 giugno) che andrebbero in onda dalle 10:00 alle 22:00 EDT. Ciò vorrebbe dire dalle 16:00 alle 4:00 di mattina per noi italiani, ma sarebbero previste delle repliche a orari umani per gli spettatori europei, mediorentali e asiatici. Sarebbe la fine delle nottate a guardare l’E3 (non che io ne abbia mai fatte).

L’ESA ha fornito un esempio di come andrebbe una giornata tipo: un pre-show di 30 minuti, seguito da due ore di conferenza stampa di un’azienda produttrice di console, per poi passare a Q&A e commenti vari. Il resto della giornata sarebbe riempito da presentazioni di terze parti di durata variabile.

L’associazione spera quindi di riportare la maggior parte delle news estive di videogiochi sotto lo stesso tetto, dopo l’anarchia dell’estate scorsa. Resta da vedere quante e quali aziende di videogiochi (esterne e interne al consiglio d’amministrazione di ESA) accetteranno di partecipare. Ad esempio, sappiamo che Geoff Keighley ha tagliato definitivamente i ponti con l’E3 e organizzerà un’altra Summer Game Fest quest’anno, che durerà però solo un mese invece di tre.

Forse l’E3 della nostra giovinezza non tornerà mai più, e anche prima del covid-19 l’evento stava iniziando a perdere lustro, tra compagnie che lo abbandonavano (Sony, Activision…) e leak imbarazzanti. Ma in ogni caso, sareste contenti se andasse in porto questa versione alternativa dell’E3 2021? O preferite che quella parentesi della storia dei videogiochi si chiuda definitivamente?

Fonte: Video Games Chronicle