22 Luglio 2019 • Sito

Doomed Inc. vi presenta “My50Cents Challenge” di Born Frustrated

Cosa non si fa per 50 centesimi? È quello che si sono chiesti i ragazzi di Born Frustrated, autori del livello My50Cents Challenge e pubblicato per mezzo della nostra ditta Doomed Inc..

Accessibile inserendo all’interno di Super Mario Maker 2 l’ID HH1-WM8-CHF, vi ritroverete di fronte ad un livello all’apparenza semplice, ma che metterà a dura prova i giocatori con gli strumenti offerti dallo stile di Super Mario 3D World.

Di seguito potete trovare un commento da parte dell’autore del livello.

Hey, mi chiamo Jami Salati e sono il designer dietro “My50Cents Challenge”.

Super Mario Maker 2 si è rivelato sin da subito uno strumento elettrizzante con cui sperimentare, così ho deciso di creare un livello da “pelle d’oca”.

L’intento della “My50Cents Challenge” è quello di creare alti momenti di tensione, lasciandovi a denti stretti ad ogni salto. Non lasciatevi prendere dalla fretta, anche quando la situazione si fa troppo appuntita!

L’obiettivo è semplice: Raggiungi la bandierina essendo in possesso di tutte e tre le monete d’oro “50”.

Spero che tutto ciò sia di vostro gradimento, vi faccio i miei migliori auguri! Ci vediamo alla prossima “My50Cents Challenge”.

Detto questo, la sfida ha ufficialmente inizio.


Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l’addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l’internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest’ultimo non lo usa mai).

Autore: Filippo "Flippoh" Corso

Videogiocatore incallito, a volte si scorda di essere il capo di Nintendoomed, nonché l'addetto alle pubbliche relazioni del sito. Quando non ha nulla da fare si occupa di progetti pazzi o di recuperare giochi e console vecchie, le quali ovviamente non toccherà mai. Per due volte ha trollato l'internet, ma queste sono altre storie che non andranno mai raccontate. Lo trovate anche su Facebook e Twitter (anche se quest'ultimo non lo usa mai).