Capcom ci racconta come Monster Hunter Stories 2 è nato

2 min.
15.06.2021
Notizie


In un’intervista al sito giapponese Gamer, Capcom ci racconta come hanno deciso di lavorare a Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin. Il primo titolo non è stato un grande successo commerciale, quindi l’annuncio di un seguito è stata una sorpresa un po’ per tutti.

Domanda: Innanzitutto vorrei chiedervi di Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin. Sono passati 5 anni dallo sviluppo del primo titolo, potreste raccontarci come sia nato il seguito?

Risposta: Il primo gioco è uscito nel 2016, è stato portato su titoli mobile e una serie animata. È successo molto in questi anni e la risposta dei giocatori è stato ciò che ci ha spinti a fare un seguito. Per fare qualcosa che valesse la pena di essere chiamato tale, abbiamo discusso a lungo su come il gioco sarebbe dovuto apparire e il gameplay, per soffisfare fan vecchi e nuovi. Il risultato è quello che vedete.

Monster Hunter Stories si differenzia dalla serie principale per gli elementi RPG, rispetto ai titoli più d’azione. Volevamo creare un RPG che immergesse i giocatori nel mondo di Monster Hunter. Qualcosa che potesse piacere ai nostri fan e ai fan degli RPG.

Ci sono molti mostri popolari nella serie e speriamo che i giocatori sviluppino un legame ancora più forte con loro, combattendo al loro fianco come alleati. Ha le stesse meccaniche del primo gioco e speriamo che questo sistema renda Stories un nuovo pilastro del franchise di Monster Hunter.

Domanda: Quali nuovi elementi e migliorie siete riusciti a introdurre grazie a Nintendo Switch?

Risposta: La novità principale sono le cutscene. Cose come espressioni facciali, illuminazione, effetti speciali sono stati tutti rifatti e le scene sono diventate molto più espressive così. I giocatori sicuramente noteranno i miglioramenti appena potranno giocare.

Vi ricordo che Monster Hunter Stories 2 uscirà su Nintendo Switch e PC il 9 di luglio, ma dal 25 giugno potremo provare la demo.

Fonte: NintendoEverything