Buzzfeed Japan spiega il perché dell’assenza dei Pokémon alla chiusura dei Giochi Olimpici di Rio 2016

1 min.
26.08.2016
Notizie


Come ben ricorderete la cerimonia di chiusura dei Giochi Olimpici di Rio 2016 è stata molto chiaccherata nei social network grazie alla partecipazione di alcune delle icone più famose dell’intero Giappone come Captain Tsubasa (Holly e Benji da noi), Hello Kitty, Doraemon, PAC-MAN e Super Mario. In molti si sono domandati riguardo l’assenza di un qualsiasi riferimento alla serie Pokémon, diffusissima tra i più piccoli e che di recente ha dato vita ad un “piccolo” fenomeno mediatico e di massa grazie all’applicazione per smartphone, Pokémon GO.
Il portale Buzzfeed Japan ha voluto indagare sulla faccenda, chiedendo chiariamenti ad un membro non identificato del comitato Olimpico e Paraolimpico di Tokyo, il quale ha riferito che i preparativi per la cerimonia di chiusura dei Giochi fossero incominciati lo scorso gennaio, mesi prima della nascita del fenomeno Pokémon GO. Un’altra motivazione è stato il confronto con la serie di punta di Nintendo, Super Mario, che era molto più conosciuta e diffusa a livello di vendite. Si riteneva che non fosse il momento giusto per rappresentare la serie (Pokémon) durante la cerimonia.
La testata sportiva Nikkan Sports ha invece riportato che il comitato non poteva non approfittare dell’evento per il gioco di parole dovuto dai nomi “Mario” e “Rio“, idea nata dal precedente primo ministro, Yoshirō Mori, nonché presidente del comitato del Comitato Olimpico Giapponese.

Fonte: Buzzfeed Japan via Anime News Network