9 Maggio 2019 • Recensione

BOXBOY! + BOXGIRL! – Nintendo Switch (RECENSIONE)

Dopo l’uscita su Nintendo 3DS dei primi tre capitoli (di cui ho recensito il secondo nel lontano 2016), la serie BOXBOY! di HAL Laboratory approda su Nintendo Switch con BOXBOY! + BOXGIRL!, il nuovo gioco con protagonisti i due teneri quadrati Qbby e Qucy. Nonostante sia il quarto, questo puzzle platformer è comunque riuscito a introdurre novità interessanti senza cadere nella ripetitività. Diamogli uno sguardo.

La caratteristica principale della serie di BOXBOY! è quella di attraversare i livelli sfruttando il potere speciale dei nostri amici quadrati di creare una o più “scatole”. Possiamo utilizzarle come scale, per tenere fermo un interruttore, per bloccare dei laser letali e tante altre cose. Come si evince dal titolo, la novità principale di BOXBOY! + BOXGIRL! è una modalità cooperativa nella quale due giocatori collaborano insieme per superare gli ostacoli controllando Qbby e Qucy. Un po’ come il buon “vecchio” Snipperclips, HAL Laboratory ha abbracciato la filosofia di Switch che incita a giocare dove e con chi vuoi passando subito un Joy-Con a un amico. Il risultato è senz’altro riuscito bene: tra tanti livelli che richiedono di trovare insieme la soluzione e la possibilità di acquistare degli accessori in un sistema stile gachapon, la modalità in multigiocatore di BOXBOY! + BOXGIRL! è di certo presentata come una delle principali attrattive del gioco.

BOXBOY! + BOXGIRL! Modalità Co-op
Nella modalità cooperativa è possibile giocare anche da soli: in tal caso bisognerà alternare il controllo tra Qbby e Qucy.

Ovviamente, la modalità “A Tale For Two” è solo una versione della campagna principale, poiché c’è anche “A Tale For One”, che presenta invece dei livelli da completare con un solo personaggio, mantenendo completamente uguale il resto dei contenuti. Fortunatamente sarà possibile scegliere di passare da Qbby a Qucy e viceversa in qualunque momento nell’hub world, tenendo a mente che si tratta di una variazione semplicemente estetica. Essendoci quindi livelli diversi nelle due modalità, vi consiglio di provarle comunque entrambe, dato che A Tale For Two è giocabile anche in singolo alternando il controllo tra i due personaggi.

BOXBOY! + BOXGIRL! Limite blocchi
In ogni livello viene imposto un certo limite al numero di blocchi consecutivi che possiamo creare, indicato sempre in alto a destra.

Il gioco è strutturato in “mondi” da circa 7 livelli l’uno, ognuno particolarmente contraddistinto da una meccanica, che essa sia un nuovo tipo di ostacolo che poi rivedremo raramente o un’abilità che potremo usare da quel momento in poi. L’unica eccezione è il mondo finale, che fa giustamente un mischione di tutto. Insomma, è il solito formato che non è nuovo ormai ai fan dei platform Nintendo, e anche in questo caso sembra gestito discretamente bene, poiché il giocatore è in grado di abituarsi man mano al tema del mondo che sta affrontando e di conseguenza affrontare sfide sempre più complesse. Volendo, ogni livello offre due obiettivi aggiuntivi, oltre al semplice raggiungimento del traguardo: il primo è quello di ottenere le corone situate in punti un po’ più difficili da raggiungere, e il secondo è quello di non superare un certo numero di blocchi massimi usati in tutto il livello. Come ricompensa otterremo delle medaglie per acquistare i sopracitati accessori, ma anche le musiche del gioco e altro. Essendo la sfida “base” piuttosto semplice, vi consiglio di provare a soddisfare anche questi obiettivi bonus per divertirvi ancora di più!

BOXBOY! + BOXGIRL! Corona
Sì, ok, siamo riusciti ad attraversare il burrone con i laser della morte… ma la coroncina?

Come se non bastasse, oltre a essere il primo gioco dove possiamo controllare Qucy, una volta completata la campagna principale verrà sbloccata la nuova avventura “A Tall Tale” nella quale assumeremo i panni di Qudy, l’amico spilungone di Qbby e Qucy. Data la sua forma rettangolare, potremo creare blocchi più lunghi sia verticalmente che orizzontalmente, facendo inclinare Qudy. Questo nuovo livello di sfida aumenta inevitabilmente la complessità dei livelli, che presenteranno comunque tutti gli elementi di gioco già incontrati nella modalità principale. Facendo un po’ i conti, tra la modalità in giocatore singolo, quella in co-op, e quella di Qudy, si arriva a oltre 270 stage, il numero più alto visto finora nella serie!

BOXBOY! + BOXGIRL! Qudy
Nella modalità “A Tall Tale”, Qudy potrà creare blocchi rettangolari orientati sia verticalmente che orizzontalmente. Sta al giocatore capire quando farlo nell’uno o nell’altro modo.

Se non vi ho già convinto, nel Nintendo eShop è possibile scaricare una demo per provare di persona questo gioco. Il prezzo di soli €9,99 è comunque molto buono per la grande mole di contenuti che offre BOXBOY! + BOXGIRL!. Il look generale, tanto minimale quanto carino, è rimasto bene o male lo stesso dei capitoli per 3DS, quindi è anche abbastanza semplice da poter giocare in modalità portatile senza alcuna perdita particolare nella grafica. I nostri amici squadrati non saranno famosi quanto il loro cugino tondo e rosa, ma il loro gioco è davvero da non perdere!

BELLO! + BELLO!/10

  • Ottimi i contenuti sia in singolo che in cooperativa.
  • Moltissimi livelli da affrontare.
  • Prezzo basso, soprattutto in rapporto ai contenuti.
  • La sfida principale dei livelli è un po’ troppo semplice.
BOXBOY! + BOXGIRL! è stato un fantastico modo di lanciare la serie su Nintendo Switch, e con tantissimi livelli per giunta. Spero che HAL Laboratory continui a mandare avanti questi cubetti in futuro, se lo meritano!

Nintendoomed partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Prova gratuitamente Amazon Prime per ricevere i tuoi acquisti in un giorno.

Studente fuorisede e (sedicente) appassionato di RPG, in particolare Dragon Quest e Fire Emblem. Passa più tempo a cercare di recuperare vecchi giochi che a provarne di nuovi. Quando non scrive articoli, probabilmente sta perdendo tempo all’arena dei mostri per ottenere la spada Falcon.
Lo trovate su Facebook e Twitter.

Autore: Dario "Spiky" Vetrano

Studente fuorisede e (sedicente) appassionato di RPG, in particolare Dragon Quest e Fire Emblem. Passa più tempo a cercare di recuperare vecchi giochi che a provarne di nuovi. Quando non scrive articoli, probabilmente sta perdendo tempo all'arena dei mostri per ottenere la spada Falcon. Lo trovate su Facebook e Twitter.