13 Agosto 2018 • A ruota libera

Quanto è complicato avvicinarsi al TCG Pokémon?

Quanti di voi, magari in gioventù, si sono ritrovati a collezionare bustine, mazzi e quant’altro del gioco di carte Pokémon? Forse perché attratti dagli artwork, o semplicemente perché si tendeva a collezionare ogni forma di merchandise dei mostri tascabili, molti di noi si sono ritrovati con centinaia di carte accumulate nel corso del tempo.
Ma quanti di voi hanno effettivamente giocato al TCG Pokémon? Magari perché eravate gli unici della vostra classe ad avere le carte, o forse perché le regole vi risultavano troppo complesse, però quelle carte sono rimaste lì, come una piccola collezione personale, ma nulla più.
Tuttavia sono pronto a scommettere che la voglia di giocare c’è sempre stata, quel pallino fisso in testa che anche a distanza di anni ritorna.

Ovviamente, potreste anche dirmi “Ma perché giocare al TCG di Pokémon?
Beh, i motivi sono tanti, sia per chi ha già giocato ad altri TCG, sia per chi è un novizio completo.

Pokémon è forse uno dei TCG più particolari sul mercato, che riesce a coniugare un regolamento molto semplice a meccaniche uniche nel suo genere.
Lo scopo del gioco è semplice: si simula uno scontro fra due allenatori Pokémon, classico 1v1, ma al posto del limite dei 6 Pokémon in squadra da sconfiggere l’obiettivo è quello di prendere le 6 carte premio prima dell’avversario!
Le carte premio si ottengono sconfiggendo il Pokémon attivo dell’avversario, attaccandolo col nostro usando le carte energia che consentono ai nostri Pokémon di attaccare.

Le carte energia

Le carte energia sono il “carburante” dei Pokémon: se ne può assegnare una per turno al Pokémon che ci interessa. Ogni attacco avrà un diverso costo di energia, espresso in simboli di fianco all’attacco.

Prendiamo ad esempio questo Pikachu: l’attacco “Tuononda” necessiterà di una energia Elettro, mentre “Energisfera” di una Elettro e due incolore (ossia di qualsiasi tipo).
Le carte energia e le carte Pokémon si suddividono in tipi, esattamente come nel videogioco, di conseguenza un Pokémon fuoco spesso avrà bisogno di energie fuoco per attaccare, mentre difficilmente userà energie elettro.

Gli attacchi servono principalmente per mandare KO il Pokémon dell’avversario: ogni Pokémon ha dei PS (Punti Salute) indicati in alto a destra, ed ogni attacco infligge invece un determinato danno (nel nostro caso, Energisfera infligge 50 punti danno), che vengono sottratti ai PS del Pokémon avversario.
Quando i PS vanno a 0, il Pokémon va KO, finisce nella pila degli scarti e viene sostituito da uno dei Pokémon in panchina a scelta dell’allenatore. Infine, chi ha sconfitto il Pokémon pesca 1 carta premio.

Ma ovviamente, non ci sono soltanto carte Pokémon e Energia, ma anche carte Allenatore!

Una carta Allenatore

Le carte Allenatore sono carte dagli effetti più disparati, che aiutano il mazzo nelle funzioni più pratiche, come cercare dei Pokémon o pescare altre carte.
Si dividono in 3 sottocategorie: Strumento, Aiuto e Stadio.
Gli Strumenti si possono giocare in qualsiasi momento del proprio turno senza limitazione; gli Aiuto invece sono limitati ad una carta Aiuto per turno; gli Stadio infine sono carte che rimangono sul terreno e hanno effetti permanenti per tutta la durata della partita, ma può esserci un solo stadio a terra per turno condiviso da entrambi i giocatori. Nel momento in cui si gioca uno stadio diverso, quello in gioco viene scartato e subentra il nuovo.

Il turno di gioco si divide in 3 fasiFase d’inizio, si pesca una carta; Turno effettivo, si assegnano energie, si giocano Pokémon e carte Allenatore; Attacco, si attacca l’avversario, nel momento in cui si attacca il proprio turno si conclude.

Questo è, in breve e senza entrare eccessivamente nel dettaglio, come si svolge una partita del TCG di Pokémon.
I punti di forza del gioco sono:

  •  L’aleatorietà molto bassa, ossia la componente fortuna incide molto di meno rispetto ad altri giochi di carte;
  • Il costo del gioco fisico è più basso di altri, molto difficilmente vedrete carte costare 100-150€ a copia come capita in altri TCG (salvo per pezzi rari da collezione), mentre l’online è completamente gratuito;
  • La semplicità e l’immediatezza del gioco, anche se vi sembra complesso, dopo una singola partita avrete capito alla perfezione tutte le meccaniche basilari del gioco;
  • Andiamo, ci sono i Pokémon! A chi non piacciono i Pokémon?

Vi ho incuriositi? Volete approfondire ulteriormente e iniziare a giocare? Beh, siete fortunati, perché farlo non è mai stato più semplice di adesso!

Per iniziare, il metodo più pratico, semplice e sopratutto economico, in quanto completamente gratuito, è quello di scaricare dal sito ufficiale Pokémon il client online del Gioco di Carte Collezionabili Pokémon Online, che per comodità chiamerò da ora in poi PTCGO.
Il client è disponibile sia per Windows che per OSX, ed anche per tablet Android e iPad.
Una volta installato, basterà farsi un account sul Club di Allenatori Pokémon, che non servirà soltanto per il gioco online, ma fornirà anche un Player ID personale, di cui vi parlerò più avanti. L’unica raccomandazione è quella di usare i vostri dati reali, non falsificate in alcun modo la registrazione per evitare spiacevoli conseguenze in futuro.

Fatto l’account, loggate all’interno del client ed il gioco (completamente tradotto in italiano), vi farà fare una serie di tutorial dove vi spiegherà in modo semplice e pratico tutte le regole del gioco in maniera più approfondita di quanto ho scritto in precedenza.
Finiti i tutorial, vi consiglio di giocare la Sfida allenatore.
Si tratta di una serie di partite contro il computer, utili perché vi aiuteranno a prendere la mano con il gioco, e se sconfigerete 4 volte con 4 mazzi diversi lo stesso allenatore, vi daranno monete (la valuta interna del gioco) e bustine gratis che vi aiuteranno molto agli inizi.
Lo so, il gioco vi ha dato solo 3 mazzi base, ma non preoccupatevi! Siccome sono un gentiluomo, vi svelo un piccolo segreto: andate nella sezione Riscatta codici ed inserite i seguenti codici promozionali: flashfire , furiousfists e phantomforces. Così facendo otterrete ben 3 copie di un mazzo tematico speciale da utilizzare nella sfida allenatore.
State tranquilli: i codici sono illimitati e valgono per tutti gli account.
Un altro consiglio è quello di non usare le monete di gioco fino a che non né avrete 500, dopodiché andate nel Negozio e comprate il mazzo tematico Urto Supersonico contentente Garchomp. Questo mazzo è attualmente il più forte nel formato tematico, e contiene carte molto utili anche per mazzi più avanzati.
Completate le sfide allenatori ed otterrete la bellezza di 45 pacchetti.
Fatto tutto ciò, vi posso assicurare che avrete capito alla perfezione il funzionamento del TCG Pokémon senza spendere nemmeno un euro.
Per quanto riguarda come progredire ulteriormente nel gioco, né parlerò in un articolo futuro dedicato esclusivamente a ciò.

Ma se invece non volete giocare online, o volete semplicemente passare anche al gioco “fisico“?
Il mio consiglio è allora quello di cercare la Lega Pokémon più vicina a voi.
Le Leghe Pokémon non sono altro che i luoghi di ritrovo sanzionati ufficialmente dalla Play!Pokémon, l’organizzazione che si occupa della gestione del gioco competitivo sia del TCG che del VGC.
Per trovare la Lega più vicina a casa vostra, andate sempre sul sito a questo link, compilate i campi inserendo la vostra città e vi compariranno gli indirizzi e gli eventi organizzati più vicini a voi.

Come funziona una Lega Pokémon? Solitamente, ogni organizzatore fissa un giorno, un luogo ed un orario settimanale di ritrovo, le cosiddette giornate di lega.
In questi giorni tutti i giocatori si riuniscono per giocare insieme ed ottenere speciali carte promozionali.
Il mio consiglio è quello di andare ad una di queste giornate e parlare con i giocatori: saranno sicuramente ben disposti ad insegnarvi le regole e spiegarvi come introdursi al gioco.
Per iscriversi alla Lega e ottenere benefici come appunto speciali carte promozionali, punti necessari a partecipare a grandi tornei ad invito e molto altro, tutto ciò di cui avrete bisogno è il vostro Player ID di cui parlavo prima.
Il Player ID è l’equivalente della vostra carta d’identità per il gioco organizzato: contiene i vostri dati identificativi (nome, cognome ed età), lo storico delle vostre attività nel gioco organizzato e i vostri Play!Point, i punti di cui parlavo prima.
Per vederlo, fate l’accesso al sito ufficiale Pokémon, andate a questo indirizzo e cliccate su “Il Mio Play!Pokémon” sotto “Info Giocatore“. Da lì potrete anche stampare il vostro codice, in modo da poterlo portare sempre con voi.
Ovviamente, a differenza del gioco online quello fisico richiede anche un investimento monetario, ma saranno i giocatori stessi a guidarvi nel fare gli acquisti migliori per poter minimizzare la spesa.

Adesso siete pronti ad entrare nel fantastico mondo del TCG Pokémon, e potrete finalmente togliervi quel tarlo dalla testa dopo tutti questi anni!

Appassionato di Pokémon sin dalla nascita, giocatore del TCG dal 2012 e Professore Pokémon. Quando non è impegnato nella creazione di deck anti-meta che funzionano esclusivamente nella sua testa, lo si può trovare ad ascoltare musica semi sconosciuta o a leggere fumetti cinesi scritti al contrario. Lo trovate anche su Facebook.

Autore: Andrea "Shu" Milano

Appassionato di Pokémon sin dalla nascita, giocatore del TCG dal 2012 e Professore Pokémon. Quando non è impegnato nella creazione di deck anti-meta che funzionano esclusivamente nella sua testa, lo si può trovare ad ascoltare musica semi sconosciuta o a leggere fumetti cinesi scritti al contrario. Lo trovate anche su Facebook.