AT&T non è più intenzionata a vendere Warner Bros. Games

1 min.
09.08.2020
Notizie


A giugno sembrava che AT&T fosse intenzionata a vendere Warner Bros. Games per 4 milioni di dollari poiché ritenuta una spesa inutile. Sembra che molte società, come EA, Activision e Take Two, fossero interessate all’acquisto, ma oggi veniamo a sapere che la compagnia non verrà più venduta. La notizia arriva da una mail inviata dal CEO, Jason Kilar, ai dipendenti.

The Warners Bros. Motion Pictures Group continuerà a essere controllata dal presidente Toby Emmerich. Warner Bros. Interactive rimarrà parte dei gruppi Studios e Networks, insieme al nostro team Global Brands and Franchises, come DC guidato da Pam Lifford, e Kids, Young Adults and Classics di Tom Ascheim, tutti concentrati sul creare giochi e altre forme di intrattenimento per i fan dei nostri brand.

Secondo Eurogamer, il piano di AT&T sarebbe di riorganizzare Warner Bros. Games in modo da mitigare le perdite, ma come potete leggere la mail non ci sono state spiegazioni maggiori a riguardo. In altre divisioni, secondo quanto detto da Jason Kilar, le novità non erano facili da digerire, ma ha assicurato che indipendentemente dalla difficoltà, riusciranno ad andare avanti.

Fonte: Eurogamer