Annunciato il prossimo titolo della serie The Legend of Heroes

3 min.
16.12.2020
Notizie


Questa notte Nihon Falcom ha annunciato i suoi piani per il 2021 e, come preannunciato, ha rivelato il prossimo titolo della serie The Legend of Heroes, Kuro no Kiseki (黎の軌跡). Attualmente il titolo è previsto solo per il Giappone, quindi non abbiamo un nome inglese, ma il termine usato si riferisce al “buio che c’è prima dell’alba”, per darvi un’idea.

Hanno poi rivelato molte informazioni su questo titolo, che sembra discostarsi molto dal resto della serie Trails. Innanzitutto, il titolo è ambientato a Calvard, la nazione che occupa la Zemuria orientale, nell’anno S. 1208, due anni dopo gli eventi di Trails of Cold Steel 3 e 4. Per chi non conoscesse la serie, Zemuria è il continente fittizio dove è ambientata. La storia si concentrerà su personaggi moralmente grigi, ad esempio detective, cacciatori di taglie e negoziatori.

Il motore di gioco è completamente nuovo, così come il metodo per creare i modelli dei personaggi. Secondo il presidente della società, si potrà notare molto questa novità nei movimenti dei personaggi.

La Repubblica di Calvard è ispirata all’Europa orientale, ma ha influenze anche dal medio oriente, sarà un misto tra Europa e Asia. Il paese è leggermente più piccolo dell’Erebonia (la nazione in cui sono ambientati i Cold Steel), ma la mappa di gioco dovrebbe essere di dimensioni simili, anche se attualmente è ancora in sviluppo.

Il numero di alleati non sarà grande come in Trails of Cold Steel (dove si raggiungono quasi 40 personaggi giocabili), ma molto ridotto, mentre i nemici saranno molti di più. Il 90% del cast sarà composto da personaggi nuovi, mentre il restante 10% saranno personaggi ricorrenti che i fan vogliono rivedere. Attualmente sono stati rivelati solo tre personaggi, uno che è il probabile protagonista, un ragazzo dai capelli rossi e la ragazza rivelata in Hajimari no Kiseki.

Toshiro Kondo, il presidente di Nihon Falcom, ha affermato che l’episodio di Hajimari no Kiseki intitolato “Hajimari no Saki e” dovrebbe essere una sorta di prologo per questo nuovo The Legend of Heroes. Peccato che da noi non sia ancora uscito, quindi non possiamo farci un’idea di cosa aspettarci.

Ha anche affermato che i fan sarebbero tristi se la Society of Ouroboros (il principale gruppo di nemici nella serie Trails) non facesse la sua comparsa. Non ha aggiunto altro, ma visto il commento ci si può aspettare che faccia la sua comparsa in qualche modo. Il gioco avrà una quantità di contenuti pari a un singolo titolo della serie Cold Steel (quindi una cosa come 40 e passa ore) e un finale vero e proprio (niente cliffhanger, yea). Purtroppo ha anche dichiarato che se il gioco non vende bene non ci sarà un seguito.

Il gameplay è forse quello che è più cambiato rispetto ai capitoli precedenti: è stato infatti rimosso il classico sistema di turni. Non si tratta però di un gioco d’azione che richiede precisione negli input, ma probabilmente qualcosa di simile a Final Fantasy VII Remake. I comandi verranno dati in tempo reale e non ci saranno transizioni tra mondo di gioco e battaglie. Ci sarà comunque l’opzione di tornare al gameplay classico. Art e Craft (rispettivamente magie e mosse speciali) rimarranno come meccaniche, ma l’ARCUS sarà sostituito dallo Xipha e di conseguenza non ci saranno più Combat Link e Brave Order. Al loro posto vedremo una nuova meccanica che dovrebbe essere piuttosto interessante, secondo gli sviluppatori. Ci sarà anche una meccanica alternativa ai Bonding Event, delle scene opzionali in cui vengono approfonditi specifici personaggi.

Un’altra novità è Alignment Flame, un sistema di allineamenti che cambierà in base alle nostre azioni nel gioco e nelle scelte di dialogo. L’allineamento del personaggio (legale, grigio o caotico) influenzerà lo status del personaggio e anche la storia, ma non ci saranno eventi che richiedono uno specifico allineamento.

Per quanto riguarda le piattaforme, Kondo vorrebbe rilasciare il titolo su PlayStation 4, con supporto per la PlayStation 5, ma tiene in considerazione tutte le piattaforme in base alla domanda. “Visto che ci sono le solite difficoltà tecniche, inizieremo da dove ci sono più richieste per il titolo”.

Insomma, potrebbero considerare di farlo uscire su Nintendo Switch, seppur solo in Giappone, qualora gli altri The Legend of Heroes che dovrebbero arrivare vendano abbastanza.

Fonte: Gematsu